/ Politica

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Politica | 12 aprile 2019, 01:16

Noli, Marino Pastorino: "Eleggetemi e abolirò l'imposta di soggiorno" (FOTO e VIDEO)

Presentata al Baianita non solo la lista "Noli del Cuore", ma anche il ruolo di ogni candidato in base a esperienze e competenze. Presenti anche gli onorevoli Bruzzone e Chiappori

Noli, Marino Pastorino: "Eleggetemi e abolirò l'imposta di soggiorno" (FOTO e VIDEO)

Erano presenti anche Camera dei Deputati e Senato della Repubblica alla presentazione, al Baianita sul lungomare di Noli, della lista “Noli nel cuore”, guidata dal candidato sindaco Marino Pastorino. In prima fila tra il pubblico, infatti, erano presenti l’onorevole Giacomo Chiappori, sindaco di Diano Marina, ed il senatore Francesco Bruzzone. Entrambi, però, hanno sottolineato di essere presenti solo per amicizia personale con il candidato, senza ricoprire ruoli politici o istituzionali.

La serata si è aperta con un estratto da “Mezzogiorno in famiglia”, programma tv della Rai al quale, nella “sfida tra i borghi” ha partecipato una squadra nolese. Marino Pastorino ha espresso un pubblico ringraziamento ai ragazzi del team protagonista nella gara televisiva (presenti in sala al Baianita) e ha annunciato in anteprima che il 28 aprile ci sarà probabilmente un possibile ripescaggio per i rappresentanti di Noli che saranno di nuovo impegnati negli studi televisivi di Roma, grazie a una prestazione che ha fatto di loro la miglior squadra cittadina in nove anni di giochi di questo programma tv.

A seguire, un altro video, realizzato da DV Videoproduzioni, nel quale Marino Pastorino si spostava nelle varie zone della città, dal centro alle frazioni, annunciando i vari punti del suo programma area per area.

La conduttrice della serata, Rossana Bassano, ha dato la parola a tutti i rappresentati della lista Noli nel cuore. E in questa circostanza Marino Pastorino ha rivelato di avere non solo la lista completa, ma anche una precisa squadra di governo, in base alle competenze professionali, alle attitudini e alle esperienze di ogni singolo individuo.

Per esempio scopriamo che, in caso di vittoria, Ambrogio Borghi, commerciante, sarà vicesindaco e annuncia particolare attenzione per il turismo, il bilancio e il piano dei parcheggi, anticipando che vorrà istituire a Noli un ufficio turismo con personale in divisa facilmente riconoscibile, con i colori bianco e rosso della Antica Repubblica Marinara.

Due ragazze, Clizia e Claudia, vengono chiamate a sfoggiare in anteprima la divisa; Anna Mantero, nata e cresciuta a Voze, con esperienze lavorative nel campo degli anziani, sarà assessore e punterà a una nuova segnaletica, che migliori la viabilità ma evidenzi anche le bellezze storico-culturali nolesi.

E con un occhio alle frazioni punta a potenziare il bus navetta almeno fino alle 23. Attenzione anche alle scuole, con l’istituzione di una mensa che produca pasti in loco; Silvia Mamelo, di Tosse, spiega che “ci sono un po’ di aspetti della zona sui quali aggiustare il tiro”, primo fra tutti un parcheggio non illuminato che di sera è meta di cinghiali, ma punta anche a una riqualificazione culturale di tutta Tosse; Giovanni Cima, laureato in farmacia, si occuperà di tutti gli aspetti legati alla sanità; Mauro Del Canto, laureato in lettere con specializzazione in storia, appassionato di storia locale e con lunga esperienza nella pubblica amministrazione farà “team” con Renato Boi, restauratore che negli anni ’90 ha lavorato sulla cattedrale, per attivare insieme un percorso di valorizzazione del patrimonio storico, artistico, architettonico nolese, che culminerà nell’istituzione del Museo di San Giovanni; Andrea Calli, avvocato di Finale Ligure, figlio di Carlo Calli (già a più riprese nel consiglio comunale finalese), si occuperà di combattere le mille problematiche giuridiche e burocratiche che affliggono le pubbliche amministrazioni, con un occhio particolare verso il cittadino; Fabio Astori, professionista nel campo del verde, punterà alla valorizzazione del patrimonio arboreo e floricolo cittadino, lavorando a stretto contatto con la AIB (Anti Incendio Boschivo) per riaprire le antiche vie tagliafuoco, potenziando la segnaletica sulla sentieristica, fino ad arrivare all’istituzione di una “Casa del Km 0” nella quale vengano valorizzati, con lo Stemma della Repubblica Marinara, i prodotti d’eccellenza del territorio, dall’olio al vino, per farli conoscere a un turismo sempre più internazionale e sempre più attratto dalle tipicità di qualità; Simone Berti, insieme ad Andrea Fiumefreddo (quest’ultimo trattenuto a casa da un piccolo malessere di stagione), rappresenta la parte giovani e sport e dichiara: “Dobbiamo seguire il modello Finalborgo, per copiare dai migliori ed essere ancora migliori”. Berti ricorda che Noli è già stata meta in anni recenti di una tappa del mondiale Mtb e, ovviamente, guarda al mondo outdoor come un settore in crescita, tutto da esplorare. L’idea è quella di realizzare, tra Bric dei Crovi e Bric della Volpe, un circuito Mtb che consenta agli amanti delle due ruote di divertirsi in sicurezza senza impattare su altri sentieri più frequentati da famiglie, bambini ed escursionisti.

Dopo la carrellata della squadra, Marino Pastorino arriva ad alcuni punti essenziali del programma e annuncia la volontà di abolire l’imposta di soggiorno. Non solo: tra i suoi obiettivi c’è un piano del colore “per rendere Noli bella e colorata come Portofino” e la contestuale abolizione della tassa di suolo pubblico per le impalcature sulle facciate: “Non possiamo tassare chi sta lavorando per abbellire la città”.

Tra i tanti progetti un occhio all’ambiente, con l’installazione di pannelli fotovoltaici sulle gallerie per produrre energia, con la valorizzazione dei sentieri e del patrimonio verde, con la riscoperta delle antiche tradizioni legate alla pesca sostenibile e alle eccellenze agricole del territorio, ma un occhio anche alla sicurezza, con dissuasori di velocità nelle strade considerate più “a rischio”, potenziamento della videosorveglianza e reintroduzione di una sede del Corpo di Polizia Locale (oggi diviso a metà con Spotorno). E poi spiccano due “no” secchi.

Spiega infatti Pastorino: “No al progetto di traforo. Il Malpasso è un luogo meraviglioso, scelto dalle più prestigiose case automobilistiche mondiali per i loro spot pubblicitari. E no a un PUC che imponga ai nolesi nuove colate di cemento. Lavorerò per dare ai cittadini e ai turisti molti più parcheggi, da gestire ‘in house’ acquistando i parcometri, ma non più cemento”. Per quanto riguarda i parcheggi calcola Pastorino: “Lo scorso anno i parcometri hanno introitato 570mila euro, ma di questi ne abbiamo consegnato 170mila a Gestopark. Per questo è importante una gestione comunale dei parcheggi”.

Sul patrimonio edilizio, Pastorino dichiara: “La gestione delle cubature dovrà essere oculata”. E annuncia un recupero dell’esistente, ad esempio destinando le ex scuole medie Anton Da Noli a nuova sede per Croce Bianca e AIB. Ma non solo: altri luoghi nolesi potranno ospitare gli Alpini, la banda cittadina, un poliambulatorio che eviti ai cittadini (soprattutto anziani) di doversi recare sempre a Santa Corona o al San Paolo di Savona. E sorgerà anche un centro ricreativo polifunzionale denominato, di concerto con il Restauratore Renato Boi, “Sant’Andrea dei Pescatori”, in omaggio a una delle opere della basilica.

Alberto Sgarlato

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium