/ Politica

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Politica | 13 aprile 2019, 13:18

Noli, Fiorito: "No alla macchina del fango attivata da chi ci addita come palazzinari"

Il vicesindaco uscente e candidato sindaco: "Bufale di ogni tipo sul PUC e sull'ex hotel Pontevecchio"

Noli, Fiorito: "No alla macchina del fango attivata da chi ci addita come palazzinari"

Alessandro Fiorito, vicesindaco dell'amministrazione uscente di Noli e uomo che, con la sua candidatura a sindaco, raccoglierà le redini del lavoro svolto dal primo cittadino in carica Giuseppe Niccoli, intende fare chiarezza in merito ad alcuni attacchi ricevuti.

Commenta Fiorito: "Si avvicinano le elezioni ed ecco puntualmente comparire la macchina del fango.

In questi giorni sono circolate bufale di ogni tipo da parte di un blog settimanale, che si professa super partes ma palesemente schierato con uno dei candidati alle prossime elezioni.

Ma facciamo chiarezza: per quanto riguarda la vicenda ex albergo Pontevecchio l'attuale amministrazione aveva partecipato ad un bando Inail che metteva a disposizione delle somme per “interventi di investimento su edifici ad elevata utilità sociale”, allo scopo di acquistare e riqualificare la struttura. Si era anche firmato un accordo preliminare con la proprietà, della durata di un anno, per l'acquisto ad una cifra fissata in 900 mila euro. Successivamente, in seguito alle lunghe tempistiche dell'Inail e al cambiamento delle regole sugli appalti, il termine di un anno scadeva e il Comune rinunciava all'acquisto.

Pochi mesi dopo la proprietà proponeva un accordo dove chiedeva il cambio di destinazione d'uso ma si impegnava a cedere al Comune 350 mq, al piano terreno, sistemati ed attrezzati, oltre il pagamento degli oneri di legge. La proprietà aveva documentato l'assoluta non remunerabilità dell'intervento di ristrutturazione alberghiera sia per l'inadeguatezza della struttura agli standard vigenti che per l'elevato costo da sostenere.

L'amministrazione accettava la proposta e a dicembre la Giunta deliberava l'intenzione di sottoporla all'approvazione del Consiglio. A seguire, il 15 gennaio, il Tribunale di Savona, per vicende non note all'amministrazione, metteva all'asta l'immobile. Venuta a conoscenza della situazione l'amministrazione decideva di non presentare il punto e di lasciare ogni decisione a dopo le elezioni.

In un articolo più recente l'amministrazione viene attaccata per aver previsto nel nuovo PUC una volumetria di 6 mila mc nell'ex cava delle Manie. Veniamo definiti palazzinari ma l'articolo omette scientemente tutte le cifre: non cita che la volumetria in quel punto scende da 18 mila a 6 mila mc, non riporta che spariscono tutte le volumetrie del porto; non cita che non sono previste nuove zone di insediamento ma solo zone di completamento.

Non si menziona da nessuna parte la battaglia dell'amministrazione contro il tunnel di Capo Noli, peraltro vinta definitivamente questa settimana; non si cita il regolamento, richiesto da più parti, per la tutela del promontorio di Capo Noli varato lo scorso mese (mossa quanto mai provvidenziale in un contesto regionale in cui vengono cancellati i parchi tra cui quello del Finalese).

Chi ha visto il programma della lista Noi X Noli – Fiorito Sindaco, per ora l'unico uscito, dettagliato in ogni punto, può vedere quanto saremo attenti all'ambiente, ma probabilmente c'è una compagine che non avendo idee, che sta aspettando che il programma glielo scrivano i cittadini, non ha altri strumenti che denigrare l'avversario politico con notizie false o mezze verità; che ci addita come palazzinari quando l'unico loro punto certo è la speculazione edilizia su via Belvedere".

Comunicato stampa

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium