/ Attualità

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Attualità | 24 aprile 2019, 11:32

Una nuova sede per il Coro Polifonico "CO.MA.MI Città di Albisola Superiore"

Questa nuova sistemazione permetterà di dare vita a nuovi progetti ed attività che il Coro aveva da molto tempo chiusi in un cassetto

Una nuova sede per il Coro Polifonico "CO.MA.MI Città di Albisola Superiore"

Una delle realtà associative culturali più rappresentativi del territorio albisolese ha una nuova “casa”. Dopo aver trascorso gli ultimi anni a provare le loro voci e le loro arie in una saletta di dimensioni molto ridotte ormai divenuta troppo stretta per le loro esigenze, il Coro Polifonico della Città di Albisola Superiore ha lanciato un appello per trovare una nuova sede.

E all’appello ha risposto l’Amministrazione Comunale, nella persona dell’Assessore al Turismo e agli Eventi, Luca Ottonello, il quale, già da tempo referente per il Coro per quanto riguarda l’organizzazione di manifestazioni e di concerti, si è preso l’impegno di provare a trovare loro una soluzione.

Era il mese di febbraio e dopo qualche telefonata e un primo sopralluogo nella struttura dell’ex asilo San Nicolò, una delle uniche proprietà immobiliari del Comune, risultato però inadatto alle esigenze del Coro, sembrava che non vi fossero buone chances… ma poi invece: “Purtroppo gli spazi pubblici comunali sono pochi e quelli idonei ad un’attività come quella del Coro, considerato anche il numero di persone che lo compongono non era facile. Sembrava proprio non ce ne fossero. Poi un giorno mi è venuta un’idea. Nel giro di poche settimane, grazie ad una preziosa collaborazione di pubblico e privato, nello specifico a Padre Lorenzo Cortesi dei Padri Dehoniani della Pace e al sig. Angelo custode della struttura, abbiamo dato forma ad una situazione imprevedibile fino a poco tempo prima. E così, l’altra sera abbiamo inaugurato la nuova mega sala prove all’interno del Santuario della Pace. Un vero gioiellino “ racconta l’. E alla domanda dei motivi che lo hanno spinto a prodigarsi a risolvere una questione apparentemente tutta privata, Ottonello dichiara: “Anche questo per me vuol dire fare Amministrazione: trovare soluzioni ai cittadini e alle preziose realtà del territorio!”.

Questa nuova sistemazione permetterà inoltre di dare vita a nuovi progetti ed attività che il Coro aveva da molto tempo chiusi in un cassetto. “Già durante quest’estate vogliamo avviare corsi di avviamento e perfezionamento per bambini, ragazzi e adulti.  Il progetto si chiamerà "il Santuario della Musica" durante il quale  verranno insegnate materie come pianoforte, chitarra, violino, violoncello e date anche lezioni di canto” racconta entusiasta il maestro Andrea Ravazzano.

“Inoltre, per quest’estate, abbiamo in cantiere un’ambiziosa rassegna musicale di concerti che vedrà ospiti di livello internazionale come il coro svedese, la camerata giovanile della Svizzera Italiana, Carlo Aonzo e molti altri. Confidiamo molto nella nuova amministrazione che ci sarà che sostenga il nostro progetto come ha fatto quella uscente negli ultimi anni permettendoci di organizzare concerti di spessore insieme a corali provenienti dall’Italia e dall’estero” prosegue Ravazzano.

Il Coro, trattandosi di un’associazione culturale artistica di volontariato, ha avviato una campagna di crowndfounding per sostenere i costi organizzativi delle attività musicali e per la rassegna che hanno in programma. Tutte le informazioni e le modalità di partecipazione si possono trovare sul sito www.coroalbisola.com oppure sulla pagina ufficiale Facebook del coro: Coro Polifonico Albisola Superiore Comami.

Naturalmente invitano tutti coloro che possono essere interessati a venire a cantare con loro. 

Comunicato stampa

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium