/ Politica

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Politica | 24 aprile 2019, 10:08

Il sindaco Frascherelli ai giovani antifascisti finalesi: "Accuse false e strumentali a me e alla giunta"

Ribadisce il primo cittadino: "Non c’è nulla nelle nostre parole né nei fatti di questa amministrazione che dimostri adesione al fascismo"

Il sindaco Frascherelli ai giovani antifascisti finalesi: "Accuse false e strumentali a me e alla giunta"

Non si placano le polemiche in merito al nome di Benito Mussolini tra i cittadini onorari di Finale Ligure.

Ieri abbiamo pubblicato la posizione in merito dei giovani antifascisti finalesi (leggi QUI), che annunciano una protesta pacifica a suon di "Bella Ciao" cantata sotto i balconi del palazzo comunale.

Il sindaco Ugo Frascherelli replica così: "Non c’è nulla nelle nostre parole né nei fatti di questa amministrazione che dimostri adesione al fascismo.

Non hanno chiesto la revoca della cittadinanza onoraria a un morto neppure coloro che la Resistenza l’hanno fatta per davvero, 70 anni fa, nella temperie di quei giorni, proprio perché intuitivamente avevano  pensato che nessuno può essere concittadino di un morto e che in ogni caso il fatto storico non poteva essere mutato.

Ma se questa osservazione che - ritengo - soltanto con malafede si può ritenere avversa agli ideali della Resistenza - appare troppo formale il Consiglio decida come crede. Peraltro il consiglio ha già deciso di approfondire la questione n commissione anche con l'ausilio di esperti e storici. Respingo in ogni caso con sdegno le accuse che vengono rivolte a me e alla giunta e che sono soltanto false e strumentali a interessi politici di parte che nulla hanno a che fare con gli ideali della Resistenza".

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium