/ Attualità

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Attualità | 13 maggio 2019, 16:50

Bombardier, i sindacati: "Sospesa temporaneamente la mobilitazione messa in campo la scorsa settimana"

"Intendiamo capire se il percorso presentato dall'azienda al Mise con la definizione di una forte partnership con un altro gruppo che opera nella produzione di materiale rotabile, sia propedeutica a salvaguardare la completa occupazione del sito"

Bombardier, i sindacati: "Sospesa temporaneamente la mobilitazione messa in campo la scorsa settimana"

"Le Assemblee dei lavoratori hanno dato mandato alle Segreterie Territoriali ed alla RSU di sospendere temporaneamente la forte iniziativa di mobilitazione messa in campo la scorsa settimana, mobilitazione a cui l’adesione è stata pressochè totale e che ha di fatto il sito ed il business di Bombardier per cinque giorni" commentano in una nota le Segreterie FIM FIOM UILM Savona e la RSU Bombardier Transportation Vado Ligure. 

"Pur rimanendo estremamente insoddisfatti per la conferma della volontà di procedere alla cessione dell’ingegneria nonché per la mancanza di immediate risposte da parte del Gruppo relativamente a carichi di lavoro per le locomotive DC3 dall’estero, intendiamo capire se il percorso presentato da Bombardier al MISE con la definizione di una forte partnership con un altro Gruppo che opera nella produzione di materiale rotabile sia effettivamente propedeutica a salvaguardare la completa occupazione del sito ed a mantenere tutte le funzioni ora presenti a Vado". 

"Lo spacchettamento non è una prospettiva che accogliamo con favore, tutt’altro. Siamo però disponibili, a fronte di impegni precisi validati in sede ministeriale, a discutere di un percorso in grado di definire una alleanza industriale per il rilancio del sito. In altre parole, se rispetto alle opportunità produttive aperte (a cominciare dall’alta velocità con la produzione di almeno 14 nuovi Zefiro1000 e dai treni destinati al trasporto passeggeri regionale per i quali andiamo incontro alla necessità di anticipare i tempi di consegna dei 600 nuovi convogli), ci fosse un impegno di Hitachi (individuando in questa azienda la realtà più solida del mercato italiano con cui sono già aperte avanzate discussione per la realizzazione degli investimenti che Trenitalia ha definito negli anni passati e che si appresta a confermare con il nuovo Piano Industriale che seguirà quello presentato da Ferrovie) che andasse oltre la semplice collaborazione, ciò rappresenterebbe per noi un elemento di grandissimo interesse nonché di speranza per il mantenimento ed il rilancio del sito". 

"Abbiamo però ora bisogno di affidamenti ed immediatamente dopo di fatti. Occorre l’impegno di Bombardier a definire la migliore soluzione possibile nonché la conferma che, una volta scelta la partnership, vengano definiti i carichi di lavoro che daranno produzione dopo che saranno ultimate le locomotive DC3. Occorre che siano definiti i carichi di lavoro che il partner porterà in produzione nel sito nonché le basi concrete per dare stabilità per i prossimi 5/10 anni (come da impegno formalmente assunto con noi dal Gruppo) - proseguono - Infine occorre che le Istituzioni seguano ed accompagnino fattivamente la vertenza verso una soluzione positiva dando seguito a quanto più volte ribadito in sedi istituzionali, dal momento che lo stabilimento produttivo è stato giudicato strategico".

"Al tempo stesso abbiamo necessità di confrontarci a breve con Segula, società a cui dovrebbe essere ceduta ingegneria ad inizio giugno, perché è essenziale, lo ribadiamo, mantenere tutte le funzioni oggi presenti a Vado anche nel sito del futuro. Abbiamo pertanto necessità che non oltre la prima settimana di giugno il tavolo ministeriale venga riaggiornato e che in queste settimane che ci separano dal prossimo incontro siano visibili le azioni che Bombardier intende portare avanti per garantire produzione ed occupazione. D’altronde questo è il mandato che abbiamo ricevuto dai lavoratori per avviare una fase di raffreddamento del conflitto". 

"Siamo pronti in qualunque momento, in considerazione del fatto che lo stato di agitazione rimane ovviamente aperto, a riprendere la mobilitazione con le iniziative di lotta che riterremo più opportune. Ringraziamo la grandissima coesione e la straordinaria determinazione dimostrata dai lavoratori nelle ultime settimane che hanno permesso di rendere sempre più visibile, anche mediaticamente, una vertenza la cui positiva risoluzione è indispensabile per la tenuta ed il rilancio produttivo ed occupazionale della nostra provincia" concludono le Segreterie FIM FIOM UILM Savona e la RSU Bombardier Transportation Vado Ligure. 

Comunicato stampa

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium