Elezioni comune di Albenga

Elezioni comune di Pietra Ligure

 / Savona

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Savona | 17 maggio 2019, 18:30

Tirreno Power, archiviata l'accusa di disastro ambientale per 14 dirigenti dell'azienda vadese

La brevità della durata della carica e l'assenza di poteri decisionali, tra le motivazioni che hanno portato all'archiviazione

Foto d'archivio

Foto d'archivio

Per i quattordici dirigenti di Tirreno Power viene archiviata l'accusa di disastro ambientale. Questa la decisione del giudice per le indagini preliminari Fiorenza Giorgi che ha quindi firmato il decreto di archiviazione per i manager dell'azienda di Vado Ligure che era stati indagati dal Procuratore del tempo Francantonio Granero per non aver limitato l'inquinamento prodotto dalle emissioni dei gruppi dell'impianto vadese.

Emilio Macci, Stefano La Malfa, Massimiliano Salvi, Antonio Fioretti, Andrea Sergio Corso, Andrea Mangoni, Francesco Claudio Dini, Roberta Neri, Marco Ferrando, Ferdinando Pozzani, Marco Staderini, Gianluigi Riboldi, Luigi Castellaro, Sergio Acosta: questi i nomi dei capi centrale, del direttore generale e dei membri del cda dal 2002 al 2014 accusati ma per il quale la loro posizione è stata archiviata.

Tesi di Granero che non aveva convinto i pm Daniela Pischetola e Vincenzo Carusi i quali nel gennaio 2017 avevano chiesto l'archiviazione. La brevità della durata della carica e l'assenza di poteri decisionali, tra le motivazioni che hanno portato all'archiviazione.

Luciano Parodi

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium