/ Politica

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Politica | 22 maggio 2019, 12:47

Savona, vertice all’interno della maggioranza dopo le tensioni: "Appianiamo le divergenze"

Dopo le tensioni tra il sindaco Caprioglio e la Lega ieri riunione di maggioranza con i vertici provinciali dei partiti per cercare di ricompattare l’ambiente

Savona, vertice all’interno della maggioranza dopo le tensioni: "Appianiamo le divergenze"

Unità. Questo il concetto espresso dalla riunione tra il sindaco di Savona Ilaria Caprioglio, i capogruppo consiliari di maggioranza e i rappresentanti politici della Lega e di Forza Italia cittadini e provinciali, alla presenza di una parte degli assessori comunali, assenti come previsto i membri della giunta, i leghisti Maria Zunato, Roberto Levrero e Massimo Arecco.

Le frizioni di quest’ultimo, vice sindaco e assessore all’urbanistica, con la prima cittadina, hanno portato alla convocazione urgente di un vertice per cercare di ammortizzare le tensioni delle ultime settimane che si sono venute a creare per l’istituzione di una statua per Sandro Pertini.

Solo la goccia che ha fatto traboccare il vaso all’interno di una maggioranza traballante già da tempo su temi come la gestione di Ata e il bilancio, oltre ad una mancanza di comunicazione su determinate decisioni del sindaco Caprioglio.

“Mussare gli angoli e essere più uniti. Abbiamo discusso per trovare il modo di ricompattarci” questo il concetto espresso dal capogruppo di Vince Savona Francesco Versace, condiviso dal segretario provinciale di Forza Italia Santiago Vacca.

“È stato un incontro propedeutico, una riunione costruttiva, ci siamo confrontati su come andare avanti. Due anni e mezzo fa abbiamo trovato una macchina amministrativa senza motore, senza benzina e sono riusciti a trovare i meccanismi, bisogna trovare il modo di andare avanti compatti e tranquilli. È giusto fare riunioni politiche soprattutto sulle grandi città come Savona, ognuno deve fare il suo ruolo per appianare le divergenze” spiega il segretario provinciale leghista Roberto Sasso Del Verme, presente insieme ai referenti comunali Mara Maione e Guido Bonino e al capogruppo Matteo Venturino.

Domenica 26 intanto il voto per le elezioni europee potrebbe già nei giorni successivi, in caso di grande risultato della Lega, ribaltare le ambizioni e la forza degli esponenti del carroccio all’interno della maggioranza. 

Luciano Parodi

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium