/ Cronaca

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Cronaca | 30 maggio 2019, 13:35

Processo "Spese Pazze": 2 anni, 11 mesi e 15 giorni per il sindaco di Alassio Marco Melgrati

Il primo cittadino alassino scatta la Legge Severino: sospensione di 18 mesi, la guida della "Città del Muretto" passa dunque al vice Angelo Galtieri.

Processo "Spese Pazze": 2 anni, 11 mesi e 15 giorni per il sindaco di Alassio Marco Melgrati

È arrivato l’esito di primo grado del processo "Spese Pazze" che, oltre al viceministro Edoardo Rixi (leggi QUI) ha coinvolto anche il sindaco di Alassio Marco Melgrati.

2 anni, 11 mesi e 15 giorni è la condanna inflitta al primo cittadino di Alassio, chiamato a rispondere all’accusa di peculato.

In seguito a tale condanna, per Melgrati scatta così la Legge Severino destinata agli amministratori condannati per reati quali il peculato o il 316 ter del codice penale: il sindaco di Alassio è quindi sospeso dalla carica per 18 mesi, l'incarico passerà dunque al suo vice Angelo Galtieri. Qualora la condanna dovesse essere confermata in appello, invece, alla sospensione verrebbero aggiunti altri 12 mesi (con relativa caduta della giunta comunale).

Ricordiamo che, secondo l'accusa i consiglieri regionali si sarebbero fatti rimborsare con soldi pubblici, spacciandole per spese istituzionali, cene, viaggi, gite al luna park, birre, gratta e vinci, ostriche, fiori e biscottini. In alcuni casi venivano consegnate ricevute che erano state dimenticate da ignari avventori, mentre in altri modificati gli importi a mano. Il tutto per un ammontare di centinaia di migliaia di euro. Le pezze giustificative, molto spesso, si riferivano a periodi festivi: Natale, Capodanno, Pasqua e Pasquetta, 25 aprile e primo Maggio. Giorni "sospetti" per svolgere attività istituzionale.

redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium