/ Politica

24 Ore

Cerca nel web

Politica | 02 giugno 2019, 13:54

Migranti a Genova, il commento di Lunardon, Pastorino e Rossetti: "Grave assenza di Toti e Bucci. Prima fare accoglienza, poi opinioni politiche"

Tra i 100 migranti sbarcati a Genova anche 17 donne, di cui 6 in stato di gravidanza subito trasferite all’Istituto Giannina Gaslini, e 23 bambini, di cui 4 probabili minori non accompagnati.

Migranti a Genova, il commento di Lunardon, Pastorino e Rossetti: "Grave assenza di Toti e Bucci. Prima fare accoglienza, poi opinioni politiche"

"In qualità di consiglieri regionali – dichiarano congiuntamente Giovanni Lunardon, capogruppo Pd in Regione Liguria, Gianni Pastorino, capogruppo Rete a Sinistra/LiberaMente Liguria in Regione Liguria, e Sergio Rossetti consigliere Pd in Regione Liguriaabbiamo avuto la possibilità di arrivare nei pressi della nave della Marina Militare Italiana, in calata Bettollo, dov’è stato allestito il campo di prima accoglienza ai 100 migranti arrivati stamattina a Genova.

Fra di essi si contano 17 donne, di cui 6 in stato di gravidanza subito trasferite all’Istituto Giannina Gaslini, e 23 bambini, di cui 4 probabili minori non accompagnati. In primo luogo teniamo a ringraziare la Protezione Civile, le pubbliche assistenze, le Misericordie, la Croce Rossa e le forze dell’ordine per le operazioni di prima assistenza che hanno fornito ai migranti sbarcati dalla nave, a partire proprio dalle donne e dai minori.

Così come ringraziamo l’opera dei medici militari che hanno fornito loro l’assistenza durante il viaggio in mare. Ci auguriamo che le operazioni di identificazione procedano con altrettanta efficienza e soprattutto celerità, perché numerosi migranti adulti aspettano che vengano eseguite tali operazioni esposti al sole sul ponte della nave, ed è quindi auspicabile che al più presto vengano ricoverati nelle tende allestite a calata Bettollo.

Occorre però segnalare che a tuttora nessuno conosce la destinazione finale dei migranti, perché il Ministro degli Interni non ne ha ancora dato comunicazione. Siamo sconcertati che il presidente della Regione Giovanni Toti e il sindaco di Genova Marco Bucci, nel loro ruolo di rappresentanti delle comunità ligure e genovese, non fossero presenti questa mattina a dare il benvenuto a queste persone, perché prima delle opinioni politiche viene l’umanità e consideriamo doveroso che chi riveste importanti ruoli istituzionali porga il suo saluto e accolga, idealmente in nome della comunità che rappresenta, chi scappa da guerre, persecuzioni, carestie.

Apprendiamo che Toti si è affrettato a dire che queste persone non rimarranno a lungo in Liguria, un’affermazione che poteva francamente evitare perché il primo sentimento non deve essere quello di allontanarli ma di aiutare chi è in condizioni di sofferenza e disagio. Prima di tutto viene il rispetto per le persone umane". 

Comunicato stampa

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium