/ Attualità

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Attualità | 07 giugno 2019, 11:32

Albenga accoglie dopo 1200 km il camminatore "pellegrino" Sergio Giusto (FOTO e VIDEO)

Assieme a Gianfranco Radini detto "Feroce" dei Fieui di Caruggi, sono stati accolti questa mattina in piazza San Michele

Albenga accoglie dopo 1200 km il camminatore "pellegrino" Sergio Giusto (FOTO e VIDEO)

È arrivato alle 10:50 in piazza San Michele il “pellegrino” Sergio Giusto dopo oltre 1.200 km percorsi a piedi lungo la Via Sancti Martini dall’Ungheria fino ad Albenga insieme a Gianfranco Radini detto "Feroce" dei Fieui di Caruggi.

Molti coloro che li hanno aspettati per celebrare con loro quella che è stata un'impresa memorabile dal punto di vista sportivo ma  che ha  anche un’importante azione di cooperazione internazionale. 

Il cammino di cui si è reso protagonista Sergio Giusto è cominciato ad Aprile da Szombathely, anticamente detta Savaria, luogo riconosciuto come natio di San Martino, ma in realtà è iniziato due anni prima con la partecipazione della città di Albenga al progetto europeo denominato NewPilgrimAge.

Il Progetto NewPilgrimAge, per il quale il Comune di Albenga ha ottenuto un finanziamento europeo di circa €. 250.000,00, ha l’ obiettivo di individuare nelle città partner un comune percorso di valorizzazione dell'eredità culturale di San Martino che possa concorrere anche allo sviluppo economico e turistico locale ed alla attualizzazione della figura del pellegrino europeo.

Attraverso una serie di meeting e una fitta rete di attività, i partner di questo importante progetto stanno realizzando grazie anche al coinvolgimento diretto di istituzioni e stakeholder un sistema di azioni pilota che hanno lo scopo di testare il potenziale sviluppo dell’eredità culturale del Santo e la promozione del proprio patrimonio culturale.

Il cammino di Sergio Giusto rappresenta un’azione di cooperazione internazionale importante che vuole unire gli sforzi dei diversi partner; lungo la strada tanti incontri con le scuole, con le istituzioni civili e religiose e gli operatori culturali.

Gli studenti di Ajdovscina in Slovenia, di Peschiera del Garda e Aquileia hanno ascoltato con piacere l’esperienza del viaggiatore ingauno che ha assunto la funzione di ambasciatore del progetto e delle scuole della città.

Contestualmente a quest’azione il comune di Albenga proseguirà il progetto con ulteriori azioni sul territorio. Il benvenuto di venerdì mattina sarà solo il preludio di un incontro pubblico che sarà organizzato a breve per una più completa presentazione del viaggio e delle altre azioni pilota del progetto in corso.

Mara Cacace

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium