/ Politica

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Politica | 07 giugno 2019, 17:32

Albenga, l'amministrazione e il candidato sindaco Tomatis rispondono all'assessore Mai: "Abbiamo chiesto fondi per un lotto funzionale, lo hanno capito tutti tranne lui"

Alcune domande vengono poste all'Assessore: "Se proprio deve dire qualcosa, spieghi tra l'altro dove sono finiti i 16 milioni di euro per i risarcimenti danni derivanti dall’alluvione, che per colpa sua sono andati persi"

Albenga, l'amministrazione e il candidato sindaco Tomatis rispondono all'assessore Mai: "Abbiamo chiesto fondi per un lotto funzionale, lo hanno capito tutti tranne lui"

L’amministrazione comunale risponde in chiarezza alle affermazioni dell’assessore Mai sul progetto del rio Fasceo Carendetta.

“Spiace constatare che ancora una volta l’assessore regionale Mai cerchi elettoralmente di sfruttare, in modo fra l’altro maldestro, le legittime aspettative di chi abita ed ha le proprie attività nelle vicinanze dei rii Fasceo e Carendetta. Invece di sbrigarsi a concedere il finanziamento, fa considerazioni inesatte e spiacevoli sull’operato del  Comune, delle associazioni di categoria agricola e dei tecnici incaricati che insieme hanno fatto scelte importanti "

"Tutti stiamo aspettando il finanziamento e lui, invece, dà una “non notizia” e torna a dire che bisognava chiedere più soldi. Il finanziamento richiesto è relativo ad uno stralcio funzionale del progetto che è stato indicato da tecnici  esperti come l’unico stralcio che poteva portare  evidenti benefici in termini di sicurezza alla zona.Il resto dell’opera dovrà essere realizzato con i finanziamenti provenienti delle misure previste per il dissesto idrogeologico sulla base di un progetto cantierabile già presentato".

"Tutti hanno capito la situazione tranne Mai e questo non ci sorprende. Invece di prendere assurde posizioni, lavori per far ottenere il finanziamento.

Se proprio deve dire qualcosa, spieghi perchè quest’anno, con lui assessore regionale:

- per la prima volta sono stati finanziati soltanto pochissimi interventi di aziende savonesie molti di coloro che legittimamente confidavano di ottenere la contribuzione si troveranno in grave difficoltà;

- perché vi sono inaccettabili ritardi nella liquidazione delle misure del PSR,

- dove sono finiti i 16 milioni di euro per i risarcimenti danni derivanti dall’alluvione, che per colpa sua sono andati persi.

cpe

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium