/ Attualità

Attualità | 15 giugno 2019, 09:25

Savona, investito un cucciolo di cinghiale in frazione Maschio: inutile l'intervento per salvarlo di Enpa

Il piccolo, probabilmente investito da un’auto dopo essere stato separato dalla protezione del branco, è parso subito grave e, malgrado le cure subito prestategli, è morto nella notte.

Savona, investito un cucciolo di cinghiale in frazione Maschio: inutile l'intervento per salvarlo di Enpa

Un cucciolo di cinghiale in difficoltà è stato recuperato da un automobilista lungo la strada nazionale del Piemonte in frazione Maschio di Savona e consegnato alle cure dei volontari della Protezione Animali; il piccolo, probabilmente investito da un’auto dopo essere stato separato dalla protezione del branco, è parso subito grave e, malgrado le cure subito prestategli, è morto nella notte.

Il recupero degli ungulati (cinghiali, caprioli e daini) è comunque affidato dalla Regione Liguria agli Ambiti Territoriali di Caccia ma, quando è possibile e fattibile l’Enpa, che si occupa a titolo volontario – con un solo contributo economico parziale della regione stessa, ogni anno sempre più ridotto - del soccorso di tutti gli altri animali selvatici feriti ed in difficoltà, collabora volentieri.

Caprioli e cinghiali hanno cominciato a crescere di numero dopo le incaute liberazioni di soggetti d’allevamento effettuate dai cacciatori negli anni 80 e 90 per la loro discutibile attività; per contenerne la proliferazione la legge prescrive di adottare metodi ecologici che, purtroppo, in tutti questi anni in cui Enpa chiedeva di studiarli e provarli, sono sempre stati osteggiati dai politici a tutela dell’attività venatoria, vera ed unica causa delle attuali criticità.

Comunicato Stampa

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium