/ Attualità

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Attualità | 20 giugno 2019, 18:25

Piaggio Aerospace, Ferraro (CGIL): “Ribadito quanto era stato detto da Di Maio con tempistiche certe. Ora si deve far ripartire l’azienda”

“Chiederemo un incontro al commissario per far rientrare i lavoratori e mettere l’azienda in condizioni per poter riprendere a lavorare”

immagini di repertorio

immagini di repertorio

Si è tenuto oggi l’incontro al Mise per discutere la vertenza Piaggio Aerospace.

Le notizie che ne sono emerse sono senza dubbio incoraggianti. Gli impegni presi da Di Maio sono stati ribaditi e, questa volta sono state date informazioni ulteriori su tempistiche a medio e lungo termine.

Afferma Lorenzo Ferraro CGIL: “L’incontro di oggi è stato estremamente positivo e ci è stato rappresentato come, entro il 15 luglio la Ragioneria di Stato libererà consistenti risorse, circa 170 milioni di euro per contratti con Piaggio Aero a medio e lungo termine.”

“Le forze armate – continua Ferraro – hanno predisposto un documento legato ai loro fabbisogni ribadendo l’interesse per il P180, ma non solo, infatti il Governo ha manifestato interesse anche per il P1HH”.

Insomma le notizie positive pare proprio arrivino per Piaggio Aero da più fronti riaccendendo le speranze per i lavoratori oggi in cassa integrazione ed anche per i lavoratori delle aziende dei fornitori, prima tra tutte Laer H.

Conclude Ferraro: “Piaggio Aerospace ora deve essere messa in condizioni di poter riprendere a lavorare e non si può certo aspettare per prendere decisioni serie a tal proposito. È necessario richiamare i lavoratori in cassa integrazione per poter ripartire con le lavorazioni. Saranno tutti argomenti che tratteremo in un prossimo incontro con il commissario Nicastro”.

Alessandro Berta direttore di Unione Industriali sul punto afferma: "716 milioni di euro in contrattualizzazione tra il 30/6/2019 e il 31/12/2019 tra il ministero della difesa e Piaggio Aero e graduale riassorbimento dei lavoratori in CIGS. Sui motori e le manutenzioni contrattualizzazione di 167 milioni entro il 30/6/2019 e 23 già acquisiti a breve altri 167. Oggi è giunto il programma chiaro e definito dei fabbisogni del ministero della difesa."

Mara Cacace

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium