/ Attualità

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Attualità | 28 giugno 2019, 19:43

Presidenza Tpl, fumata nera sulla nomina all'assemblea dei sindaci: "Decidiamo prima la linea di indirizzo"

Slitta di due settimane la nomina del nuovo presidente, lunedì verrà approvato solo il bilancio

Presidenza Tpl, fumata nera sulla nomina all'assemblea dei sindaci: "Decidiamo prima la linea di indirizzo"

Slitterà di due settimane la nomina del nuovo presidente di Tpl. Fumata nera quindi questo pomeriggio dopo l'assemblea dei sindaci, lunedì 1 luglio è prevista l'assemblea dei soci ma verrà votata solo l'approvazione di bilancio.

Il nome dell'ex sindaco di Albisola Superiore Franco Orsi è al centro della discussione, non criticato dagli amministratori, è la scelta più indicata secondo la Provincia, ma non per il comune di Savona che deve far fronte al malumore della Lega.

"Bisogna capire prima la società che indirizzo vuole dare, se la gestione in house dell'azienda o l'ingresso dei privati - spiega l'assessore alle partecipate del comune di Savona Silvano Montaldo - ci vuole anche un rispetto della territorialità, non è normale che nel cda non siano rappresentati altri comuni soci".

"Troveremo una soluzione - dice il presidente della Provincia Pierangelo Olivieri - auspico in un consiglio di indirizzo dove siano presenti rappresentanze del territorio. Vedremo comunque nelle prossime ore, c'è amarezza per come è andata anche perchè in queste settimane ho avuto diverse interlocuzioni politiche e amministrative".

"Il nome di Franco Orsi non è stato contestato, ma il metodo non ci è piaciuto. Bisogna capire la direzione che vuol prendere l'azienda, che cosa è cambiato rispetto a due anni fa" ha dichiarato Roberto Arboscello, sindaco di Bergeggi.

Lunedi intanto alle 9.45 si svolgerà a Palazzo Nervi un vertice tra i rappresentanti sindacali di Cgil, Cisl, Uil, Faisa e rsu aziendali con il presidente della Provincia Pierangelo Olivieri sul tema dell'affidamento in house del trasporto pubblico locale. Lo scorso 14 giugno il comune di Savona ha aperto a questa ipotesi dopo anni di braccio di ferro per l'assenza di fondi necessari per il mantenimento del servizio da parte dell'azienda.

Luciano Parodi

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium