/ Cronaca

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Cronaca | 11 luglio 2019, 15:36

Furto al convento dei cappuccini di Quiliano: assolto nigeriano per infermità mentale

L’uomo era stato arrestato dai carabinieri (allertati dalla moglie del custode che aveva sentito dei rumori) e rimesso in libertà la mattina successiva dopo l'udienza in tribunale, tornando poi nel pomeriggio a colpire ancora all'interno del convento.

Furto al convento dei cappuccini di Quiliano: assolto nigeriano per infermità mentale

Assolto per infermità mentale. Questa la decisione del giudice presa in Tribunale su Benjamin Promise, 22enne nigeriano, arrestato lo scorso 20 marzo per il tentato furto all'interno del convento dei frati Cappuccini a Quiliano.

Dopo la perizia psichiatrica svolta dal perito Maurizio Fato per capire le capacità di intendere e di volere durante il fatto e la pericolosità sociale del 22enne è arrivato per lui lo stato di libertà per infermità mentale.

L’uomo era stato arrestato dai carabinieri (allertati dalla moglie del custode che aveva sentito dei rumori) e rimesso in libertà la mattina successiva dopo l'udienza in tribunale, tornando poi nel pomeriggio a colpire ancora all'interno del convento.

Si era introdotto nuovamente nella struttura, rubando il portafogli della moglie del custode (con all'interno circa 70 euro) prima di nascondersi in una cella. Immediato era scattato l'allarme e sul posto erano intervenuti nuovamente i carabinieri che avevano tratto in arresto il giovane straniero conducendolo al carcere di Marassi venendo sottoposto a osservazione psichiatrica.

Promise era stato fermato con le accuse di resistenza a pubblico ufficiale, violazione di domicilio e furto.

Luciano Parodi

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium