/ Cronaca

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Cronaca | 17 luglio 2019, 20:25

Vandalismo e persecuzioni contro i condomini: signora benestante di Alassio ai domiciliari (FOTO)

Da questo momento in poi, la donna verrà monitorata dalle volanti della Polizia di Stato alassina che avranno così l'onere di vigilare sul rispetto della misura erogata.

Vandalismo e persecuzioni contro i condomini: signora benestante di Alassio ai domiciliari (FOTO)

Un ordine di misura cautelare nei confronti di una donna di circa 50 anni, italiana, residente ad Alassio: è questo il provvedimento eseguito in data odierna dagli uomini del commissariato della Polizia di Stato alassina.

Atti vandalici e atteggiamenti persecutori da parte della donna (benestante e senza apparenti problemi psicologici) nei confronti dei condomini della propria abitazione, con cadenza quasi quotidiana da gennaio, hanno così portato al provvedimento messo in atto quest'oggi. Circa trenta denunce per danneggiamenti (all'arredo urbano, al verde pubblico o alle vetrine dei commercianti) effettuate nella "Città del Muretto" hanno di fatto avviato le indagini inizialmente verso ignoti: le immagini delle varie telecamere poste in giro per la città, però, hanno presto smascherato un'unica persona. La stessa che si è rivelata protagonista di atti vandalici anche all'interno delle aree comuni del proprio condominio.

Il pm della Procura Massimo Bolla, in seguito a quanto emerso dalle indagini coordinate dalla dottoressa Gilda Pirré, ha così emesso la richiesta di arresti domiciliari, poi sottoscritta dal Gip. Da questo momento in poi, la donna verrà monitorata dalle volanti della Polizia di Stato di Alassio che avranno così l'onere di vigilare sul rispetto della misura erogata.

Tra le azioni compiute dalla signora, denunciata peraltro anche dal Comune di Alassio, la rottura con un martello dell'apparecchio videocitofonico del proprio palazzo, il ribaltamento di cassonetti della spazzatura con i rifiuti dispersi per strada (con conseguente pericolo per auto e moto in circolazione) e atti persecutori nei confronti degli inquilini del palazzo in cui viveva.

redazione

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium