/ Economia

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Economia | 19 luglio 2019, 14:00

A Mallare si combatte il glioblastoma nel ricordo di Giacomo

Tre giorni di eventi benefici, musicali, sportivi e artistici per ricordare la battaglia di Giusy e Giancarlo, i genitori di Giacomo

Foto tratta dalla pagina Facebook della ASD Le Poiane Mallare

Foto tratta dalla pagina Facebook della ASD Le Poiane Mallare

Glioblastoma, sembra un termine alieno tratto da un film di fantascienza e in realtà è uno dei più feroci tumori che lascia poco scampo a chi ne è colpito, e Giacomo uno splendido ragazzino di appena sei anni, è la sua preda, gli altri comprimari di questa vicenda sono i suoi genitori, Giusy e Giancarlo.

La prima diagnosi nel 2000, presso il San Paolo e poi è tutto un calvario di operazioni, terapie, dolore, sofferenze che queste tre creature affrontare una prova dopo l’altra, il Gaslini di Genova e addirittura un intervento in Belgio in una struttura di eccellenza che però non risolve la situazione, il glioblastoma nasce nel cervello e lo comprime sviluppandosi.

Giacomo è un ragazzino forte e lotta contro il male affiancato dai genitori che non mollano, con una grande sofferenza nel cuore ma con la volontà di combattere per il loro Giacomo e anche per loro stessi.

In questo percorso conosceranno persone splendide come Pierluigi, un chirurgo dalle grandi dote umane, tuttora impegnato in una azione di sostegno e tanti personaggi famosi, attori e sportivi, che ancora oggi in un nobile anonimato frequentano le corsie del Gaslini.

Giacomo dopo otto anni di sofferenza soccomberà al male, dopo aver donato ai suoi genitori un motivo per continuare una lotta in favore delle famiglie che arrivano da tutta Italia a Genova al Gaslini, in una città sconosciuta, che spesso non li accoglie come realmente meriterebbero, sono i migranti del dolore e della speranza, sbarcati a Genova in poche ore da una diagnosi di tumore infantile,senza sapere dove alloggiare con pochi soldi e che sono costretti ad affrontare costi proibitivi che li dissanguano in poche settimane magari senza poter vedere un barlume di guarigione.

Giusy e Giancarlo, che hanno vissuto di persona questa situazioni indegna di un paese civile, si impegnano da anni per organizzare eventi tesi alla raccolta di fondi per aiutare questi genitori e in particolare verso una associazione di Genova , Il covo degli orsi, una onlus che supporta queste persone arrivate da lontano in modo da poter alloggiare a costi umani.

Anche quest’anno a Mallare, presso la ASD le Poiane, 700 ettari di verde proprietà della famiglia Raggi che anch’essa ha assicurato il proprio supporto, organizzano un evento di beneficenza articolato su tre giornate, 19 – 20 – 21 luglio, è la quarta edizione, con stands espostivi e gastronomici, con spettacoli di canto, il coro Monteverde, con sfilate di moda, la meridiana, Nanà, Mondo Curvy, Tatà e Benetton, il negozio di ottica 2R, lo scarabeo d’oro, con stand di estetica, Back stage, lo scricciolo, Malù, Andrea Decouter ed Elisa Franco. Esibizioni musicali della scuola musicale Musikè. Ci sarà anche la scuola di danza di Gabriella Bracco, e lla consolle ci saqrà il collaudato Riccardo Pellicciotta.

Ci saranno anche eventi sportivi: un torneo di baseball, un torneo di calcio a cinque intitolato al piccolo Giacomo, un trofeo di enduro organizzato dal Motoclub Fuoringiro di Savona, una corsa e camminata su 10 km grazie all supporto dell'atletica Cairo con la presidenza di Vincenzo Mariniello, “Corri sui sentieri delle poiane”, un BMX freestyle con l'esibizione di Alessandro Marenco. Gli stessi Giusy e Giancarlo, assieme alla compagnia teatrale La fenice si esibiranno sul palcoscenico in un pezzo dialettale del repertorio di Gilberto Govi.

Anche la provincia, i comuni e le proloco della Val Bormida non si sono tirati indietro a questa chiamata, ci sarà quella di Savona e i comuni di Mallare, Pallare, Bormida, Osiglia Carcare, Cairo, Plodio, Piana Crixia e Cosseria oltre alle proloco di Cosseria, Piana e Plodio, la Società di canottaggio di Osiglia, le penne nere della sezione di Cosseria,le P.A. Di Carcare, Murialdo e Cairo, i volontari della protezione civile di Mallare, lo CSEN e il suo presidente Mauro Diotto e come non ringraziare il Presidente dello Sporting Le Poiane Valter Sandrone.

Insomma una manifestazione di grande rilevo che richiamerà migliaia di persone, unite tutte in una grande raccolta di fondi per sostenere le famiglie che già sono colpite nei loro piccoli e possono sentirsi meno sole in questa tremenda lotta per la vita dei loro bimbi ammalati.

Inutile dire che su questa tre giorni emerge e giganteggia la figura di Giacomo, un ragazzino che ci ha insegnato ad affrontare il dolore della malattia senza farsi piegare e continuando la sua vita come sempre, con il sorriso scanzonato di un quattordicenne. Grazie Giacomo.

Comunicato stampa

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium