/ Politica

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Politica | 21 luglio 2019, 21:15

Stazione ferroviaria, Cileto: "Il sindaco ci accusa di essere 'tardivi', mentre la sua amministrazione è stata immobile"

La capogruppo di Per Finale: "Dopo un quinquennio di amministrazione la situazione della nostra stazione è solo peggiorata"

Stazione ferroviaria, Cileto: "Il sindaco ci accusa di essere 'tardivi', mentre la sua amministrazione è stata immobile"

Non si placano le polemiche sulla situazione della stazione ferroviaria di Finale Ligure. Tutto è partito da varie segnalazioni di cittadini ricevute dal gruppo Per Finale (leggi QUI); sulla base di questo episodio, la minoranza compatta ha presentato una mozione da discutersi nel prossimo consiglio comunale (leggi QUI), alla quale è seguita la replica del sindaco Ugo Frascherelli (leggi QUI).

Ecco la puntualizzazione di Tiziana Cileto, capogruppo della lista Per Finale: "Davvero il sindaco dice che noi della minoranza ci siamo svegliati in ritardo? Ammesso e non concesso che noi si sia in ritardo, l'amministrazione è sempre stata e continua a essere totalmente assente. Non dimentichiamoci che loro escono da un quinquennio di amministrazione nel corso della quale nulla è stato fatto e la situazione della stazione è solo peggiorata".

Prosegue Cileto: "Noi abbiamo chiesto che si metta in atto una ristrutturazione a fondo anche con soldi pubblici, quindi dei cittadini, pur essendo un'area di competenza di RFI. Non è infattibile, in tanti altri paesi è stato fatto. E dal momento che la stazione è il primo biglietto da visita per chi arriva in treno in vacanza a Finale, si potrebbe attingere alle risorse dell'imposta di soggiorno, visto che siamo di fronte a una priorità inequivocabile".

Precisa Cileto: "Ci è stato risposto che non intendono mettere fondi in una proprietà di ente privato. Eppure il semaforo al porto si trova su una proprietà dell'ANAS, la rotonda nei pressi del casello dell'A10 a Gorra è su una proprietà dell'ANAS. Tutto ciò dimostra che al di là del proprietario degli spazi, una priorità grave deve essere gestita come tale. Guardiamo un classico del cinema italiano come "La Spiaggia", di Alberto Lattuada. Negli anni '50 la nostra stazione era così bella da poter essere usata come set di un film. Da quanto tempo, però non è stato fatto più nulla?"

Cileto conclude con una nota politica: "Siamo di fronte ancora una volta a un sindaco che non conosce le più basilari regole della democrazia. Abbiamo presentato una mozione con l'intenzione di discuterla in sala consiliare, il luogo deputato per questo tipo di confronti. A tempo di record il sindaco replica sui giornali senza avere avuto neanche il tempo materiale di discutere il tema in una riunione di giunta. Evidentemente i suoi stessi consiglieri di maggioranza per lui non contano nulla?"

A. Sg.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium