/ Politica

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Politica | 07 agosto 2019, 13:42

Murialdo, Decastelli: "Risposte frettolose della maggioranza, ma la fretta è cattiva consigliera"

Il consigliere del gruppo "Con Murialdo" tiene a fare alcune precisazioni, ma al tempo stesso placa le polemiche: "Sono certo che dopo queste scaramucce riusciremo a collaborare per il bene dei cittadini"

Murialdo, Decastelli: "Risposte frettolose della maggioranza, ma la fretta è cattiva consigliera"

Giancarlo Decastelli, consigliere del gruppo di minoranza "Con Murialdo", commenta così le recenti polemiche cittadine: "Visto che sono stato chiamato in causa personalmente nel comunicato stampa della maggioranza, pubblicato martedì 6 agosto 2019, mi vedo costretto a rispondere nonostante il tempo sia tiranno e tutti avremmo di meglio da fare. Chi ha redatto tale documento era mosso dalla fretta di rispondere e sappiamo che la fretta è cattiva consigliera, mi spiego meglio:

1. Non corrisponde al vero l’affermazione “…il consigliere di minoranza De Castelli che ha votato con onestà intellettuale in contrasto alla minoranza riconoscendo la validità dei punti programmatici…”, innanzitutto perchè i punti programmatici non sono stati sottoposti all’approvazione del Consiglio, quindi non sono stati votati da nessuno, bensì è stata una semplice presa d’atto,

2. Tale affermazione non corrisponde al vero anche perchè tutti i presenti siano essi Consiglieri e Segretario Comunale nonchè il folto pubblico, possono affermare che invece ho mosso delle critiche al programma, affermavo che le linee programmatiche enunciate dal Sindaco, sono vaghe, senza alcuna elencazione dettagliata e prive della necessaria pianificazione temporale che permetterebbe di indicare quelle da concludere a breve termine rispetto a quelle a medio lungo termine, inoltre non contengono i punti del programma elettorale presentato agli elettori e per i quali hanno ottenuto il mandato ad amministrare Murialdo per i prossimi cinque anni. Concludevo con una preoccupazione per il futuro, quando con cadenza annuale si dovrà valutare il raggiungimento o meno degli obiettivi, ci si dovrà confrontare con un testo vago, basato su affermazioni generiche, senza una pianificazione, senza un impegno vero, non solo formale.

3. Il voto a favore l’ho espresso per un altro punto all’ordine del giorno, quello riguardante il bilancio e il suo assestamento, quindi nulla a che fare con le linee programmatiche.

4. La Carta di Pisa è stata presentata per la prima volta nel 2012, non è nata nel 1999 come affermato nel comunicato predetto, in tale anno con la risoluzione n° 60, è stato approvato il Codice europeo di comportamento per gli eletti locali e regionali, ratificato dal Congresso dei Poteri locali e regionali del Consiglio d’Europa.

Colgo l’occasione anche per fare alcune precisazioni che spero contribuiscano a far sbollire gli animi, il comunicato della minoranza pur essendo stato fatto proprio dall’intero gruppo è farina del mio sacco, intendiamoci nulla che non avessi detto durante il consiglio comunale, che troveremmo leggendo i verbali di quella sera, quindi nessuna polemica sterile o spinte rancorose postume da parte degli ex amministratori comunali attualmente in minoranza.

In relazione alle due mozioni presentate dal gruppo a cui appartengo, sono stato io a proporle perchè come altri consiglieri di maggioranza, che si sono seduti per la prima volta al tavolo degli amministratori comunali murialdesi, anch’io ero (e sono tutt’ora!) desideroso di dare un impulso al cambiamento, al rinnovamento della nostra casa comunale e quali argomenti più adatti avremmo potuto scegliere, ad avvio di mandato, per dare un segnale forte alla nostra comunità, se non quello di una presa di distanza dal fenomeno devastante della droga? O l’adesione all’Associazione Servizio Pubblico e la successiva adozione del loro pag. 2/2 codice etico per la prevenzione dalla corruzione, dal malaffare e dalla cattiva amministrazione? Invece il Sindaco non ha nemmeno chiesto se tra i Consiglieri c’era chi voleva intervenire ed ha messo ai voti i due argomenti, purtroppo, con il risultato a noi avverso.

Nonostante tutto voglio pensare che dopo le prime scaramucce verbali, troveremo il modo per collaborare e operare per il bene di Murialdo, ovviamente il segnale dovrà arrivare dalle colombe della maggioranza, che ci sono e non devono essere timorose, diversamente sarà sempre una sterile dimostrazione di forza dove sarà evidente chi soccomberà, magra consolazione!"

Comunicato stampa

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium