/ Cronaca

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Cronaca | 13 agosto 2019, 17:50

Tenta di estorcere soldi ai genitori per la droga: i carabinieri provano a convincerlo di disintossicarsi e lui li aggredisce

G.V., classe 1991 residente a Savona, è stato tratto in arresto per resistenza, minaccia e violenza a pubblico ufficiale: si trova ora nel carcere di Genova Marassi.

Tenta di estorcere soldi ai genitori per la droga: i carabinieri provano a convincerlo di disintossicarsi e lui li aggredisce

É un dramma famigliare quello che hanno recentemente trattato i carabinieri della Stazione di Savona e che vede protagonista G.V., del 1991 residente proprio nel capolugo della nostra provincia.  

La vicenda è quella tristemente nota e simile a molte altre: i genitori disperati per il figlio finito nel tunnel della droga con la conseguente escalation di drammatici episodi di violenza rivolti ai propri famigliari. Un'ossessione per lo stupefacente che ha portato il ragazzo a desiderare solo di drogarsi e pretendere dai genitori denaro per questo fine.

Così, dopo l’ennesima sfuriata in famiglia per denaro preteso ai genitori che non lo hanno accontentato (con danneggiamenti nell'abitazione della famiglia), l’altro giorno padre e madre hanno convinto il loro figlio a recarsi insieme a loro in caserma, dai carabinieri, con il pretesto di consegnargli i soldi che pretendeva,  solo davanti ai militari. In caserma G.V., in forte stato di alterazione, intuito che non avrebbe ricavato un soldo, ha dato in escandenscenza, aggredendo i militari che avrebbero dovuto convincerlo a seguire un programma di disintossicazione. L’uomo è stato tratto in arresto per resistenza, minaccia e violenza a pubblico ufficiale mentre i genitori hanno sporto denuncia contro di lui per le continue richieste di denaro e violenze domestiche.

Alla direttissima, il giudice Dott.ssa Felisatti, ha convalidato l’arresto e disposto la custodia cautelare in carcere del giovane che solo pochi giorni fa è stato ammesso a fruire degli arresti domiciliari.

Questa mattina, il GIP Dott.ssa Ceccardi, su richiesta del P.M. Dott. Ferro che ha coordinato le indagini, ha emesso la misura cautelare della custodia in carcere, contestando all’indagato il reato di estorsione ai danni dei genitori, e per questo G.V. è stato prelevato dalla sua abitazione dai carabinieri della Stazione di Savona e condotto nel carcere di Genova Marassi.   

redazione

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium