/ Cronaca

Cronaca | 11 settembre 2019, 08:43

Stella, tenta il suicidio impiccandosi: uomo salvato in extremis da un carabiniere

L'allarme è stato lanciato nella mattinata di ieri. La moglie ha chiesto aiuto alla centrale operativa dell'Arma dei carabinieri di Savona

Stella, tenta il suicidio impiccandosi: uomo salvato in extremis da un carabiniere

Carabiniere eroe sventa un tentativo di suicidio. L'episodio risale alla giornata di ieri, lunedì 10 settembre. Alla centrale operativa dei carabinieri di Savona è giunta una chiamata di aiuto. Una signora anziana di Stella ha chiesto l'intervento dell'Arma perché il marito aveva deciso di togliersi la vita, impiccandosi.

Immediatamente è stato dato l'allarme alla caserma di Stella dove un militare in servizio, ha prelevato un coltello dalla cucina della stessa caserma, precipitandosi sul posto.

Non è servito dagli troppe spiegazioni su come arrivare, anche se si tratta di un luogo piuttosto isolato, il carabiniere presta servizio da diverso tempo nel Comune (e nell’Arma) e conosce bene il territorio. Sa che non deve perdere tempo e anziché attendere che giunga la pattuglia a prelevarlo, decide di utilizzare la propria autovettura e correre sul posto. Sa che dovrà attraversare un rivo, perché se seguisse la strada asfaltata potrebbe non arrivare in tempo, così scende dall’auto e corre a perdifiato fino alla casa dei due anziani.

Attraverso le sbarre della recinzione vede una scena raggelante: un uomo penzolare da un albero. La donna lo sorregge dalle gambe, tentando di evitare che la corda che ha intorno al collo si stringa e glielo porti via. Il cancello è chiuso e il militare allora decide di arrampicarsi. Scavalca la recinzione e raggiunge finalmente i due anziani. Recupera un appoggio su cui salire e grazie al coltello che aveva portato con sé, recide la corda che stava soffocando l’uomo. Lo adagia sul terreno, attendendo con l’anziana signora che giungano i sanitari.

Non ci sono i nomi dei protagonisti della vicenda, per la privacy nel caso dei due anziani, per il pudore del militare che ha detto di essere felice di aver salvato una vita e di aver fatto solo il proprio dovere e che qualunque altro carabiniere si sarebbe comportato come lui. Al militare sono giunti immediatamente i complimenti della scala gerarchica savonese per avere salvato una vita grazie a un encomiabile spirito d’iniziativa.

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium