/ Politica

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Politica | 20 settembre 2019, 09:17

Stazione Pietra senza biglietteria, consigliere Rozzi: "La città non merita ulteriori processi di arretramento"

La consigliere di minoranza aveva segnalato il problema tre mesi fa al sindaco De Vincenzi

Immagine d'archivio

Immagine d'archivio

Dopo il botta e risposta tra la deputata Sara Foscolo e il sindaco di Pietra Ligure Luigi De Vincenzi sulla chiusura della biglietteria nella stazione pietrese è intervenuta sul tema la consigliere di minoranza Silvia Rozzi, della lista proprio della ex candidata alla carica di prima cittadina.

"Situazione stazione ferroviaria di Pietra Ligure: tre mesi fa ho segnalato il problema al Sindaco De Vincenzi. Nella nota protocollata il 19/06/2019 al n. 0019227 evidenziavo sia i disagi legati alla biglietteria, spesso chiusa, sia i potenziali rischi per gli utenti dovuti all’assenza di personale (capo-stazione) proprio adesso che erano in corso i lavori di riordino della stazione e ad inizio della stagione estiva. Per dovere di cronaca, l’ufficio del Sindaco ha direttamente inoltrato la mia lettera a R.F.I. e Trenitalia che in risposta alla “segnalazione presentata dal Consigliere comunale Rozzi Silvia” evidenziavano le diverse modalità di acquisto dei titoli di viaggio (biglietterie automatiche, sito internet, esercizi di rivendita - nb: nessuno nei pressi della Stazione); in merito all’assenza di personale specificavano come ciò non influenzasse le condizioni di sicurezza dell’esercizio che risultano, in ogni caso, aderenti alla normativa di legge, e anticipavano il potenziamento di servizi automatici (sonori e video) per fine settembre" spiega la consigliere.

"Non voglio entrare nel merito tecnico delle risposte ricevute, non ne ho le competenze. E mi auguro che davvero il nostro Sindaco si sia impegnato anche in prima persona per tutelare il servizio. Semplicemente dico che la nostra cittadina, così come il Paese intero, non merita ulteriori processi di arretramento su servizi essenziali per il lavoro, per la scuola, per il turismo come quello del treno. Senza polemica alcuna, sono felice che il problema sia stato portato alla cronaca dall’Onorevole Foscolo e mi auguro che una discussione a livelli più alti porti risultati utili. Il mio intento era, è e rimarrà sempre salvaguardare salute, sicurezza e servizi dei cittadini" conclude Silvia Rozzi.

Comunicato Stampa

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium