/ Politica

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Politica | 04 ottobre 2019, 18:22

La pista di elisoccorso accende il dibattito politico: Cairo Democratica interroga il sindaco Lambertini

L'area in questione era già stato oggetto di un'interpellanza nel 2013

La pista di elisoccorso accende il dibattito politico: Cairo Democratica interroga il sindaco Lambertini

La piazzola dedicata all'atterraggio degli elicotteri in località Ponte degli Aneti accende il dibattito politico a Cairo Montenotte. 

Commenta in una nota il gruppo consiliare "Cairo Democratica": "Abbiamo appena presentato un'interrogazione urgente al sindaco e alla sua giunta per sapere come mai ieri mattina, dopo il gravissimo incidente ad un operaio all'interno di Italiana Coke, l'elicottero dell'elisoccorso non sia potuto atterrare sulla pista dedicata agli atterraggi di emergenza in località Ponte degli Aneti, ma sia atterrato nel campo sportivo in zona Vesima”.

“Se la motivazione reale è l'interferenza con l'area canina allestita dalla giunta del sindaco Lambertini nelle immediate vicinanze, ci chiediamo perché decidere di situarla proprio in quella zona e come mai non siano state fatte le valutazioni indispensabili a non compromettere le operazioni di soccorso, denotando una preoccupante superficialità da parte di chi ci amministra” concludono i consiglieri del gruppo "Cairo Democratica" Giorgia Ferrari, Matteo Pennino e Alberto Poggio.

L'area in questione era già stato oggetto di un'interpellanza nel 2013. In quella circostanza, il gruppo consiliare "Il Comune di Tutti" aveva interpellato l'allora amministrazione Briano. Il consigliere Giovanni Ligorio aveva espresso dubbi sulla pista ("Anche il più sprovveduto rileverebbe che in quel sito è assente la manica a vento" si legge sul documento), sostenendo anche che un generale dell'aeronautica aveva sollevato non pochi rilievi sulle caratteristiche tecniche di quel presidio, anche sotto il profilo della sicurezza, citando uno per tutti la pavimentazione e la sua capacità di sostenere la portata del peso dei mezzi in atterraggio.

Commenta alla nostra redazione il sindaco Paolo Lambertini: "L'ubicazione della pista genera dei problemi (riscontranti nel tempo) di sicurezza e ordine pubblico. Per poter consentire l'atterraggio degli elicotteri infatti, bisogna chiudere l'intera viabilità e l'accesso ad ogni individuo. Il tutto con l'impiego di diverse unità delle forze dell'ordine. La presenza di piante e la vicinanza al fiume sono altre criticità rilevate. La scelta di atterrare al campo sportivo in località Vesima è stata condivisa con i vigili del fuoco. Da qui la nostra decisione di allestire l'area canina". 

"Il nostro territorio comunale offre numerose zone di atterraggio e per il futuro, abbiamo intenzione di attivarci per realizzare una convezione con la polizia penitenziaria. Questo per far atterrare l'elicottero all'interno della scuola - conclude il primo cittadino - Per quanto riguarda la pista in località Ponte degli Aneti. Non è nostra intenzione depauperare un bene comunale. L'obiettivo è riqualificarla per un uso sociale (magari uno skatepark nrd)". 

Graziano De Valle

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium