/ Sanità

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Sanità | 06 ottobre 2019, 15:35

Alimentazione vegana e rischio carie: quali effetti sui denti dei bambini?

Come vi ho già detto in precedenti articoli, l’alimentazione è davvero ciò che può fare la differenza nel poter mantenere lo stato di salute orale (e non solo…), sia per quanto riguarda la frequenza dei pasti, sia per ciò che attiene alla tipologia degli alimenti.

Alimentazione vegana e rischio carie: quali effetti sui denti dei bambini?

Cari lettori di Savona News, sempre durante il congresso de www.ildentistadeibambini.it (il primo network di dentisti pediatrici italiano) ho potuto ascoltare alcuni ricercatori di prestigiose università e centri di eccellenza italiani che, oltre a curare bambini con particolari problematiche, effettuano ricerca scientifica ad altissimo livello.

Come vi ho già detto in precedenti articoli, l’alimentazione è davvero ciò che può fare la differenza nel poter mantenere lo stato di salute orale (e non solo…), sia per quanto riguarda la frequenza dei pasti, sia per ciò che attiene alla tipologia degli alimenti.

Secondo il Rapporto Italia Eurispes 2018 lo 0,9 % della popolazione del nostro paese (circa 1,2 milioni di persone) segue una alimentazione Vegana (priva cioè di qualunque prodotto di origine animale).

Non è questa l’occasione per esprimere la mia opinione su questo tipo di scelte, ritengo però importante (nell’interesse dei vegani stessi) informarvi sulle possibili conseguenze sui denti (soprattutto dei bambini) di questo tipo di alimentazione.

La prima informazione che vi riporto è che nel “latte” di soia è contenuto l’acido fitico, che è un “antinutriente” poiché limita l’assimilazione di calcio, magnesio, ferro e zinco.

La seconda è che i “latti vegetali”, pur ricordando l’aspetto estetico del latte, sono in realtà delle “bevande a base di” (soia, riso, avena ecc.) e sono sovente addizionate di zucchero. Il loro potere cariogeno è quindi elevato, mentre l’apporto di minerali utili ai denti è assai limitato. Per questo motivo i bambini alimentati così sono molto esposti al rischio carie e dovrebbero quindi essere molto più rigorosi nel mantenimento della corretta igiene orale domiciliare, e regolari nell’applicazione di prodotti al fluoro (dal dentifricio alle “vernici fluorate” e ai gel che applica il dentista).

Il mio consiglio, quindi, è: se siete vegani e ritenete giusto imporre questo tipo di alimentazione anche ai vostri figli, seguite rigorosamente alcune regole:

1.       fate molta attenzione nel numero dei pasti che somministrate (mai più di 5 e, negli intervalli, solo acqua)

2.       fate lavare i loro denti con dentifricio al fluoro (dai 3 anni di età almeno 1000 parti per milione) minimo due volte al giorno.

3.       Portateli dal dentista pediatrico affinché (oltre a monitorare lo stato di salute orale) applichi vernici fluorate almeno 3 volte l’anno.

In questo modo potrete seguire la vostra scelta senza creare danni irreversibili al sorriso dei vostri bambini e ricordate che lo stesso tipo di pericolo esiste anche per i denti degli adulti quindi, se siete vegani, ponete ancora più attenzione alle buone pratiche per salvaguardare i vostri denti!

Buona settimana a tutti!

Dr. Attilio Venerucci

Prof. A contratto c/o

Master in Laser Dentistry

Università degli Studi di Genova

 

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium