/ Politica

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Politica | 08 ottobre 2019, 12:22

Interrogazione sul problema del contrasto alla diffusione della cimice asiatica

La questione sollevata dal consigliere di Forza Italia, Angelo Vaccarezza

Interrogazione sul problema del contrasto alla diffusione della cimice asiatica

"Questa mattina, durante la seduta mattutina dell’Assemblea del Consiglio Regionale, ho fatto richiesta affinché l’interrogazione a risposta immediata sul problema del contrasto alla diffusione della cimice asiatica diventasse una risposta scritta da parte dei competenti uffici". Così il consigliere regionale Angelo Vaccarezza, che ha portato nell'aula del Palazzo della Regione la questione della massiccia presenza di cimici in Liguria. 

Continua Vaccarezza: "I danni causati da questo insetto, secondo le stime elaborate dal CSO, Centro Servizi Ortofrutticoli, supererebbero, per il 2019, i 350 milioni di euro in tutto il Nord Italia. La cimice asiatica, insetto originario di Cina e Giappone, avvistato in Italia per la prima volta a Modena nel 2012 e ben presto dilagato in tutto il settentrione, presenta un conto salato al settore dell’ortofrutta per l’annata 2019.

Ma non è finita qui. Ai danni nella produzione ortofrutticola, vanno aggiunte le ricadute della fase post raccolta (logistica, manodopera, imballaggi, costi commerciali, ammortamenti, e costi fissi). Sono quasi 500 mila le giornate di lavoro andate in fumo, indotto compreso, coinvolte per approntare un piano strategico".

Conclude poi il consigliere: "E’ necessario lavorare in sinergia per arrivare nel più breve tempo possibile tutte le soluzioni più adatte al territorio in modo da dotare le aziende di efficaci strumenti di tutela e difesa del lavoro di centinaia di persone".

Comunicato stampa

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium