/ Attualità

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Attualità | 10 ottobre 2019, 13:08

Albenga aderisce alla “Giornata Mondiale dei diritti delle bambine e delle ragazze”

Il comune ingauno pronto ad intraprendere molteplici iniziative istituzionali e con le scuole

Albenga aderisce alla “Giornata Mondiale dei diritti delle bambine e delle ragazze”

Albenga aderisce alla “Giornata Mondiale dei diritti delle bambine e delle ragazze” proclamata dall'Assemblea Generale delle Nazioni Unite per l'11 ottobre di ogni anno.

La giornata ha il fine di concentrare l’attenzione sui diritti delle più piccole e sulla necessità di promuoverne l’emancipazione. La condizione particolare delle bambine consiste soprattutto nel potenziale che possiedono; se supportate in modo adeguato durante l’adolescenza, è per loro possibile diventare donne, lavoratrici, madri, imprenditrici, leader politiche indipendenti.

Il Comune ingauno, da sempre sensibile a queste tematiche, ha approvato ad una serie di iniziative proposte dalla fondazione “Terre des Hommes Italia”:

- diffusione di un questionario, rivolto ai ragazzi e alle ragazze tra i 13 e i 19 anni inteso a raccogliere in modo anonimo informazioni e dati sul tema discriminazione, violenza, stereotipi di genere, bullismo, cyberbullismo e sexting;

- esposizione di uno striscione arancione con la scritta “11 OTTOBRE. Giornata mondiale delle bambine e delle ragazze” sulla facciata di ingresso del Palazzo Comunale;

- inserimento sul sito istituzionale dell'Ente di notizie riguardanti la giornata dell'11 ottobre, accompagnata da immagini o fotografie in cui spicchi il colore arancione.

Afferma l'Assessore alle Politiche Sociali Simona Vespo: “Sono molto contenta per queste iniziative. Albenga ha già una carta per i diritti delle bambine e il nostro Comune è da sempre molto sensibile a queste tematiche. Sono felice che quest'anno si sia deciso di coinvolgere anche i ragazzi i quali, attraverso il questionario, che potranno compilare in modo anonimo, potranno fornire il loro punto di vista ed avere un momento di riflessione importante”.

Conclude l'Assessore Vespo: “Il colore arancione simboleggia un segnale di rottura degli stereotipi di genere che impongono il rosa per le femminucce e l'azzurro per i maschietti, inoltre viene scelto sempre più come colore di bandiera del contrasto alla violenza di genere. Invito chiunque voglia aderire a indossare un capo arancione venerdì 11 ottobre”.

Comunicato stampa

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium