/ Politica

Politica | 12 ottobre 2019, 16:40

Sospensione prescrizioni ambientali previste nel provvedimento AIA rilasciato ad Italiana Coke: le minoranze interrogano il sindaco di Cairo

"Questa notizia ci lascia a dir poco stupiti" commentano i consiglieri comunali

Sospensione prescrizioni ambientali previste nel provvedimento AIA rilasciato ad Italiana Coke: le minoranze interrogano il sindaco di Cairo

I consiglieri comunali Giorgia Ferrari, Roberta Beltrame, Matteo Pennino, Alberto Poggio e Nicolò Lovanio interrogano il sindaco di Cairo Montenotte Paolo Lambertini in merito alla sospensione delle prescrizioni ambientali previste nel provvedimento AIA rilasciato ad Italiana Coke. 

"Abbiamo appreso che la Provincia di Savona ha sospeso l'esecutività delle prescrizioni ambientali contenute nel provvedimento di autorizzazione integrata ambientale rilasciata all'Italiana Coke, in attesa che il Tar decida sul ricorso promosso dall'azienda contro le prescrizioni medesime" commentano i consiglieri comunali cairesi. 

"Il presidente dell'ente provinciale, Pierangelo Olivieri, ha dichiarato che la ragione della sospensione sarebbe 'un accordo che prevede la sospensione in autotutela in attesa della sentenza del Tar e 'un escamotage per accelerare i tempi'. La notizia desta non poco stupore e preoccupazione, poiché si ritiene che le prescrizioni in oggetto siano importanti ed irrinunciabili sotto il profilo della tutela dell'ambiente e, quindi, della salute dei lavoratori e degli abitanti di Cairo e della Val Bormida. Nonostante l'importanza dell'argomento, il consiglio comunale non è mai stato informato di tale decisione, né delle reali motivazioni della stessa". 

"La decisione della Provincia di Savona di sospendere le prescrizioni di tutela ambientale inserite solo due mesi fa nell'autorizzazione integrata ambientale rilasciata a Italiana Coke ci lascia a dir poco stupiti. Cos'è cambiato nel frattempo, a parte il fatto che l'azienda, com'è suo diritto, ha fatto ricorso al Tar? E ora quale tutela ci sarà per l'ambiente e la salute dei lavoratori e degli abitanti di Cairo e della Val Bormida? Ci chiediamo quali siano le reali ragioni di questa decisione, se il sindaco di Cairo e la sua giunta ne fossero a conoscenza e come mai i consiglieri comunali non siano stati informati - concludono - Tutti noi consiglieri comunali di opposizione abbiamo depositato un'interrogazione al sindaco per avere risposte..."

Si legge nell'interrogazione:

I consiglieri comunali

interrogano il sindaco e la giunta comunale

- se il Comune sia stato informato della decisione della Provincia di Savona di sospendere l'esecutività delle prescrizioni ambientali contenute nel provvedimento di autorizzazione integrata ambientale rilasciata all'Italiana Coke; 

- in caso di risposta positiva, come mai il consiglio comunale non sia stato preventivamente informato e consultato;

- se condividano le ragioni e i contenuti della decisione assunta in autotutela dalla Provincia, tenuto conto che il Comune ha deliberato di costituirsi in giudizio al Tar a difesa del provvedimento di AIA e delle prescrizioni in esso contenute;

- quali siano le iniziative che intendano attuare per garantire comunque il rispetto delle prescrizioni ambientali faticosamente elaborate e, infine, inserite nell'autorizzazione integrata ambientale a tutela dell'ambiente e della salute di lavoratori e cittadini.

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium