/ Sanità

Sanità | 15 ottobre 2019, 08:08

Cairo, il 19 ottobre la terza edizione del convegno "Valbormida e Sanità-Aggiornamenti in Medicina"

Si terrà presso la scuola di formazione Penitenziaria

Cairo, il 19 ottobre la terza edizione del convegno "Valbormida e Sanità-Aggiornamenti in Medicina"

Nel prestigioso contesto della scuola di formazione Penitenziaria di Cairo Montenotte sabato 19 ottobre si svolgerà la terza edizione del convegno “Valbormida e Sanità – Aggiornamenti in Medicina”, promosso dalla SIIA-Società Italiana dell’Ipertensione Arteriosa ed organizzato dal Dott. Fabio Bracco, referente di Savona e Valbormida della SIIA e responsabile scientifico dell’evento.

Il congresso si propone come valido strumento di aggiornamento medico, ha un taglio molto pratico e prevede la partecipazione di relatori e moderatori di elevato spessore clinico e scientifico. Anche quest’anno verranno sviluppati molti argomenti, ognuno seguito da altrettante tavole rotonde di approfondimento: la gestione del paziente portatore di ipertensione secondaria o refrattaria alla terapia, le insospettabili complicanze ipertensive e cardiovascolari di patologie comuni come psoriasi influenza ed insonnia, la gestione del paziente ipercolesterolemico a rischio cardiovascolare basso o elevato, l’impatto sull’operatore sanitario della legge sulla privacy. Sono previste inoltre tre dimostrazioni pratiche: l’utilizzo del defibrillatore automatico, il ruolo del fisioterapista nella riabilitazione cardiologica, il ruolo del radiologo nello screening di ipertensione secondaria.

“Siamo alla terza edizione – dice il Dott. Bracco – ma lo spirito del convegno è rimasto intatto: tutti i partecipanti si raccolgono intorno ad un tavolo ideale e confrontano le proprie esperienze, maturate in ambiti diversi, per scambiarle ed arricchirsi reciprocamente ideando percorsi clinici compatibili con le risorse a disposizione. E’ questa la vera forza del convegno, compresa ed apprezzata anche dai relatori e dai moderatori, che hanno subito accolto la proposta di partecipare all’evento e che quest’anno provengono da Liguria, Piemonte e Lombardia. In un momento di passaggio cruciale per il Sistema Sanitario il congresso si inserisce come contributo all’apprendimento e al confronto clinico-pratico tra vari operatori sanitari. Per dirla come i nonni: l’obiettivo è mettere tanta farina nel sacco al sabato per spenderla a partire dal lunedì”.

Comunicato stampa

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium