/ Al direttore

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Al direttore | 16 ottobre 2019, 15:08

Roccavignale, il sindaco Fracchia: "Grazie all'assessore regionale Giampedrone per l'attenzione sempre avuta nei nostri confronti"

Il primo cittadino di Roccavignale traccia un bilancio delle operazioni svolte in termini di infrastrutture

Roccavignale, il sindaco Fracchia: "Grazie all'assessore regionale Giampedrone per l'attenzione sempre avuta nei nostri confronti"

Dichiara il sindaco di Roccavignale Amedeo Fracchia: "Faccio riferimento alla notizia uscita ieri a seguito del Comunicato stampa della regione Liguria a cura dell’assessore alle infrastrutture Dott. Giacomo Giampedrone che intendiamo ringraziare per l’attenzione che da sempre ha avuto per noi. Il mese scorso avevamo partecipato al Bando per la realizzazione di alcuni interventi su infrastrutture che era riservato ai comuni con popolazione inferiore ai 1000 abitanti.

Il nostro progetto del valore di 70.000 ( iva, oneri etc compresi) ha ottenuto un altissimo punteggio il che gli ha permesso di essere finanziato. l’Opera consiste nel’ampliamento lato fiume Bormida della strada comunale che viene utilizzata come accesso alla zona industriale di Roccavignale.

Recentemente è stata allargata sul lato monte con un lavoro appena terminato di euro 40.000 finanziato con il decreto crescita per i piccoli comuni. Questo progetto prevede la realizzazione di un muro a valle di quello esistente e la demolizione parziale di un garage per realizzare un marciapiede e continuare di fatto il Percorso vita che da Millesimo conduce a Cengio.

Una volta terminato anche questo intervento non resterà che reperire le risorse per allargare il ponte sul Fiume Zemola che resta quindi L ultimo collo di bottiglia per quell’area. Nella nostra zona industriale sono presenti oltre 350.000 mq di capannoni con alcune realtà molto importanti come le Sirti energia Spa, la 3f Spa divisione plastica, la Demont srl ed un grande magazzino adibito per la Vetreria Etrusca. Il bando prevedeva un cofinanziamento del 25 x100 da parte del Comune ma per favorire più enti la Regione ha è deciso di diminuire la propria quota di finanziamento passando dal 65 al 35%.

Ora abbiamo tempo Fino al 22 ottobre per dare il nostro benestare all’opera ma soprattutto per trovare le risorse necessarie a coprire questa percentuale non finanziata . Grazie all’impegno degli uffici e agli imprenditori locali che hanno capito subito l’importanza di questo intervento, già in giornata siamo stati capaci di dare l’ok all’opera anche dal punto di vista finanziario. Confidiamo ora nella regione tre che sulle risorse dedicate all’area di crisi complessa per finanziare anche l’ampliamento del ponte.

Allego foto del Sopralluogo effettuato qualche mese fa con il senatore Ripamonti e la foto del lavoro appena terminato lato monte".

Lettera Firmata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium