/ Coldiretti Informa

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Coldiretti Informa | 18 ottobre 2019, 11:33

Smog, Coldiretti: "Necessario confermare il bonus verde in manovra per rendere le città liguri più green e pulite"

"Una pianta adulta è capace di catturare dall’aria dai 100 ai 250 grammi di polveri sottili e un ettaro di piante elimina circa 20 chili di polveri e smog in un anno"

Smog, Coldiretti: "Necessario confermare il bonus verde in manovra per rendere le città liguri più green e pulite"

Misure restrittive per controllare il traffico e la pioggia sono dei palliativi ma, per un’efficace lotta allo smog va confermato in manovra il bonus verde, in modo da favorire con le detrazioni fiscali la diffusione di parchi e giardini in città e per permettere anche al Capoluogo ligure di risalire la classifica delle città verdi.

È quanto afferma Coldiretti Liguria nel commentare il rapporto annuale sulla qualità dell'aria dall'Agenzia europea per l'ambiente (Aea) che fa rientrare l’Italia nel gruppo di quelli che sforano sistematicamente i limiti di legge per i principali inquinanti atmosferici. A favorire lo smog nelle città è l’effetto combinato dei cambiamenti climatici, del traffico e della ridotta disponibilità di spazi verdi che nel capoluogo ligure scendono addirittura al 6,3 mq a persona contro la media nazionale di 31 metri quadrati per abitante.

Il bonus prevede attualmente una detrazione ai fini Irpef nella misura del 36% delle spese sostenute per la sistemazione a verde di aree scoperte private e condominiali di edifici esistenti, di unità immobiliari, pertinenze o recinzioni (giardini, terrazze), per la realizzazione di impianti di irrigazione, pozzi, coperture a verde e giardini pensili. Una misura utile a qualificare le aree urbane ma anche a ridurre l’impatto degli inquinanti nelle città che è quindi strategica per sostenere il Green New Deal del Governo.

“Di fronte all’evidente cambiamento del clima in atto anche nella nostra regione – affermano il Presidente di Coldiretti Liguria Gianluca Boeri e il Delegato Confederale Bruno Rivarossa - non si può continuare a rincorrere le emergenze, ma bisogna intervenire in modo strutturale favorendo nelle città la diffusione del verde pubblico e privato, considerando che una pianta adulta è capace di catturare dall’aria dai 100 ai 250 grammi di polveri sottili e un ettaro di piante elimina circa 20 chili di polveri e smog in un anno. Il verde urbano non deve essere visto come una scelta strategica per migliorare la qualità della vita, pensando al benessere e alla salute di tutti: la vivibilità di una città e la qualità della vita che ne deriva, dipendono necessariamente anche dalla salubrità dell’aria. A riguardo il bonus verde è’ uno strumento utile a ridurre l’impatto degli inquinanti nelle città e offre un importante sostegno al settore florovivaistico ligure, settore cardine dell’economia regionale concentrato prevalentemente nel ponente ligure, che può fornire tutte le piante necessarie a ripulire le nostre città, partendo dal Capoluogo regionale”.

Comunicato stampa

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium