/ Politica

Politica | 19 ottobre 2019, 12:45

Leopolda 10, l'anno zero di "Italia Viva" di Renzi vista dai politici savonesi presenti

Danja Stocca presenza fissa sul palco della convention che guarda all'Italia del 2029

Leopolda 10, l'anno zero di "Italia Viva" di Renzi vista dai politici savonesi presenti

Il decimo anno della Leopolda a Firenze si può considerare come l'anno zero di Matteo Renzi sia a livello politico che legato alla nascita della sua Italia Viva.

All'anniversario non potevano mancare alcuni esponenti della politica locale savonese, da Barbara Pasquali alla giovane Danja Stocca, senza dimenticarsi ovviamente l'ex candidata alla presidenza della Regione Liguria Raffaella Paita, che proprio insieme alla giovanissima Danja e a Roberto Giachetti avevano presentato il progetto renziano a Pietra Ligure (LEGGI QUI).

Ruolo di spicco è toccato proprio alla ventenne Stocca, che in estate aveva partecipato alla scuola di incontri e formazione "Meritare l'Italia". Il volto della giovane, già membro dell'assemblea nazionale del Partito Democratico, è stato scelto, insieme ad altre tre coetanee, per organizzare e presentare gli eventi nei tre giorni.

"È una Leopolda diversa perché comunque iniziamo un percorso nuovo, una sfida nuova e c'è tanto entusiasmo - ha spiegato ai nostri microfoni proprio Danja Stocca - ma è lo stesso entusiasmo degli anni scorsi: è una Leopolda diversa però alla fine è sempre bellissimo entrare qui dentro ritrovando gli amici degli anni scorsi ma anche amici nuovi. Grande spazio per i giovani? Matteo Renzi ha deciso di lasciare ai noi quattro ragazze la conduzione dei quattro giorni e secondo me è un bel segnale: credo sia anche un modo per far capire che i giovani non saranno lasciati in secondo piano. Oggi abbiamo anche già ascoltato degli interventi sul 'Family Act', che ci fa capire quanto la natalità sia importante e direi che più giovani dei bambini appena nati non possiamo averne".

"Credo che sia importante sottolineare quanta gente ci abbia raggiunto in questi giorni - ha inoltre aggiunto la giovane militante savonese di "Italia Viva" - nella giornata di ieri, centinaia di persone sono rimaste fuori: non era mai accaduto e dispiace per chi si è fatto un lungo viaggio per raggiungerci, ma d'altra parte è anche un bel segnale che certifica la tanta voglia di partecipare. Iniziative in programma a breve nel savonese? Al momento no, ma appena torneremo ci metteremo subito al lavoro senza rimanere fermi".

Non è giunto a Firenze invece il sindaco di Finale Ligure Ugo Frascherelli, che ai nostri microfoni aveva già espresso interesse alla nuova idea politica di "Italia Viva" ma che invece ha preferito rimanere nella sua cittadina in attesa di eventuali sviluppi legati alla situazione meteorologica, confermando tuttavia il proprio interesse.

Il tema di Leopolda 10, oltre alla nascita ufficiale di Italia Viva e del suo simbolo, quest’anno sarà “L’Italia del 2029”, nell'intento di ribadir così la necessità che la politica si impegni per l’Italia dei prossimi dieci anni e si scommetta sul futuro dei giovani italiani.

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium