/ Eventi

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Eventi | 23 ottobre 2019, 12:10

Borghetto inaugura una scultura dell'artista Finotti e consegna il premio "Lungimiranza" a 3 storici medici cittadini

Il programma per la giornata del 25 ottobre

Borghetto inaugura una scultura dell'artista Finotti e consegna il premio "Lungimiranza" a 3 storici medici cittadini

Per Borghetto Santo Spirito il 25 ottobre sarà una giornata speciale in cui saranno celebrati 2 eventi particolari a favore della locale comunità.

Il primo prevede alla mattina, alle ore 10:30 l'inaugurazione la scultura del noto artista "Borghettino" Simone Finotti "Spirito Intelligente" che accoglierà gli utenti e darà lustro all'atrio del palazzo comunale.

Ispirata al genio della creatività artigianale maestro Ugo Marano di Cetara (SA), è stata ricavata da tronco di Cedro del Libano e rappresenta la continuità della vita tramite l’immortalità dello spirito e dell’energia che sostiene ogni essere vivente, animale e vegetale. “Tutto si trasforma e nulla si distrugge”.

Per l'occasione, oltre alle autorità civili, politiche e militari saranno presenti gli alunni delle scuole cittadine e una delegazione del Comune di Cetara (SA).

L'autore dell'opera riesce a traslare lo spirito di un albero morente in un nuovo corpo, generato tramite lo “spirito intelligente” che alimenta la libera creatività dell’artista.

Nella scultura Finotti manifesta una affinità creativa con un grande artista, genio della creatività artigianale, il maestro Ugo Marano di Cetara e per questo motivo sarà presente anche una rappresentanza del Comune di origine del grande ceramista.

L’intento dello scultore è quello di omaggiare il grande e poliedrico cetarese e mettere in evidenza l'affinità, stante anche nello spirito creativo, dell’artista di Borghetto Santo Spirito che lo accomuna nella concezione dell’arte manifestata da Marano.

I cittadini che faranno ingresso nel palazzo comunale di piazza Italia avranno la possibilità di apprezzare l'opera dove si evidenza e manifesta liberamente la creatività dell'autore, utilizzando un linguaggio sempre vivo e mutevole, necessario ad evitare il paludamento nella tradizione.

Per il Comune si tratta anche di un ulteriore arricchimento del patrimonio artistico e culturale che, oltre a migliorare l'immagine del paese, viene messo a disposizione della cittadinanza analogamente a quanto avvenuto in passato con altre due opere in marmo dello stesso Finotti già collocate in due piazze cittadine.

In merito afferma il sindaco di Borghetto Santo Spirito, Giancarlo Canepa: "Siamo grati all'artista Simone Finotti per aver dato nuova vita al tronco di un albero abbattuto e per averlo restituito alla cittadinanza trasformato in un'opera d'arte dal grande valore simbolico. Una grande occasione anche per promuovere legami di amicizia e collaborazione con il Comune di Cetara e tributare un omaggio alla nutrita comunità cetarese presente nella nostra cittadina."

Il medesimo giorno, ma nel pomeriggio, alle ore 16:30, in collaborazione con l'Associazione Assoutenti di Savona,  si svolgerà la cerimonia di  consegna del premio "LUNGIMIRANZA 2019" conferito ai medici di famiglia che con professionalità ed abnegazione hanno prestato cura ed assistenza sul territorio comunale.

L'Amministrazione Comunale ha raccolto l'idea del presidente di Assoutenti Gianluigi Taboga e si è fin da subito messa a disposizione  per celebrare nella maniera migliore tre persone che hanno fatto molto in campo sanitario e non solo, in favore dei Borghettini, dei turisti e delle persone della terza età che nei mesi invernali scelgono la nostra città per soggiornare.

Una giusta riconoscenza per l' esercizio dell'importante ed apprezzata figura di medico svolta per decenni dai dott. Gianatti Aldo, Mazza Amedeo  e Laurino Angelo che non si è limitata all'attività sanitaria ma anche sociale e per alcuni di loro addirittura politica.

"Ho molto apprezzato questa iniziativa di Gianluigi Taboga di Assoutenti - afferma il primo cittadino – Aldo Gianatti, Amedeo Mazza e Angelo Laurino sono tre icone borghettine che hanno svolto il ruolo di medico di famiglia in un periodo storico in cui questa figura svolgeva un compito che andava decisamente oltre a quello strettamente sanitario. Il medico di famiglia rappresentava un vero e proprio punto di riferimento per la comunità svolgendo una funzione dal grande valore sociale. Il Premio Lungimiranza è un modo per tributare loro la giusta riconoscenza da parte di tutta la collettività". 

Comunicato stampa

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium