/ Economia

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Economia | 01 novembre 2019, 20:30

Il prosciutto Crudo di Cuneo Dop nella dieta mediterranea

Il prosciutto crudo è uno dei salumi italiani tipici, tra i più famosi nel mondo, ed è fra i prodotti alimentari italiani che vanta più varietà che possono fregiarsi del marchio Dop, attribuito dall’Unione Europea per le peculiari caratteristiche qualitative dipendenti quasi esclusivamente dal territorio di produzione.

Il prosciutto Crudo di Cuneo Dop nella dieta mediterranea

La nutrizionista Sara Cordara illustra i tanti benefici del Crudo di Cuneo DOP. Dal ridotto contenuto di sodio all’ottimo apporto proteico. Caratteristiche che lo rendono adatto a tutti i regimi alimentari.

Il prosciutto crudo è uno dei salumi italiani tipici, tra i più famosi nel mondo, ed è fra i prodotti alimentari italiani che vanta più varietà che possono fregiarsi del marchio Dop, attribuito dall’Unione Europea per le peculiari caratteristiche qualitative dipendenti quasi esclusivamente dal territorio di produzione.

Gli italiani vanno ghiotti della “carne lavorata” o più semplicemente dei salumi, sono comodi da utilizzare e sono gustosi. Come nutrizionista sono dell’opinione che siamo ormai nell’era dei salumi decisamente più “snelli”, a ridotto contenuto di sale e grassi, merito delle nuove tecnologie che permettono una migliore conservazione del prodotto e dunque una minore quantità del sale, utilizzato appunto con funzione antibatterica e antimicrobica.

Dal punto di vista più strettamente salutistico, il prosciutto crudo, oltre ad avere un buon apporto proteico, può essere consumato senza troppe ansie anche da chi è a regime ipocalorico, perché i grassi di infiltrazione, cioè quelli invisibili contenuti nelle carni, con gli anni sono scesi dal 15-20% al 3-8% circa.

Alcune persone hanno il pregiudizio di scartare la parte grassa della fetta, non sapendo che i grassi contenuti sono migliori rispetto agli anni addietro, risultano aumentati gli Omega3 (quelli contenuti nel pesce azzurro, per intenderci) che contribuiscono a prevenire l’eccesso di trigliceridi nel sangue, mentre sono praticamente inesistenti i grassi trans, quelli che aumentano il rischio cardiovascolare.

Tante proteine e vitamine

Più nello specifico, il prosciutto Crudo di Cuneo Dop, grazie all’ottimo contenuto proteico (circa il 29%), al ridotto contenuto di sodio e di colesterolo e alla presenza di vitamine del gruppo B, che aiutano a ridurre stress e stanchezza, soprattutto B1, niacina, B12 e vitamina E, di calcio, ferro, selenio, fosforo e soprattutto magnesio, è consigliabile alla popolazione di tutte le fasce di età: dai bambini agli anziani (il prosciutto crudo ha infatti un coefficiente di digeribilità attorno al 97%), passando anche per gli sportivi, merito del marcato contenuto di sali minerali e delle proteine, altamente ricche di amminoacidi essenziali e anche di ‘ramificati’ come valina, leucina e isoleucina.

Rappresenta una valida alternativa alla carne fresca per il contenuto di ferro nelle donne fertili, in quanto si raggiunge facilmente la dose raccomandata giornaliera per questo minerale.

Piuttosto, non esagerate ad accostare questa delizia di alimento ad altri cibi salati, abbinatelo sempre a delle verdure e concedetevelo da una a tre volte al massimo alla settimana.

Ma concentriamoci sul quantitativo di sale: nel prosciutto crudo Dop di Cuneo ne troviamo circa 4,5 g in 100 g di prodotto, meno rispetto ad altri presenti in commercio, questo giustifica infatti il suo sapore dolce e delicato. Detto ciò, non c’è ragione per rinunciare al rito dell’antipasto all’italiana, quello in cui troneggiano fette di prosciutto insieme alle verdure in sott’olio, in pinzimonio e sottaceto. Ma bisogna considerarlo un piatto unico, perfetto per un pasto semplice e veloce, e soprattutto sfizioso.

Per abbassarne la “salinità” puntate sulla frutta, in quanto l’acqua e il potassio di cui è ricca favoriscono l’eliminazione del sodio presente nei salumi. Provate e sperimentate coppie insolite, come prosciutto crudo e ananas o pompelmo o uva bianca o frutti di bosco o ancora mango e papaia. Oltre a stemperare la sapidità dei salumi, la frutta apporta fibre e vitamina C, facilitando così l’assorbimento del ferro presente nei salumi stessi. Ovviamente, come accennavo già prima, nello stesso pasto meglio consumare alimenti poco sapidi, come il pane toscano senza sale.

Sempre meno sale

La riduzione del sale nei prodotti della salumeria italiana come il nostro prosciutto Crudo di Cuneo Dop si deve a tanti fattori: alla maggiore qualità delle carni (che ora sono più mature e quindi meno ricche di acqua), al miglioramento delle condizioni igieniche negli allevamenti e nei salumifici, all’adozione di più moderne tecniche di produzione (come la tecnologia del freddo), al controllo dei periodi di asciugatura e stagionatura e alla maggiore attenzione nella quantità e qualità delle spezie utilizzate.

Il prosciutto Crudo di Cuneo Dop è prodotto con l’uso di soli due ingredienti: coscia di maiale e sale. Nei salumi in genere il tenore di sale dipende anche dall’eventuale uso di altri conservanti, come nitriti e nitrati.

Oggi i primi sono sostanzialmente stati abbandonati, mentre i secondi hanno subito una considerevole riduzione proprio grazie all’uso del frigorifero, alle conoscenze microbiologiche e allo sfruttamento delle proprietà batteriostatiche di spezie ed erbe aromatiche, attraverso il quale si riescono a produrre salumi sempre sicuri dal punto di vista sanitario, ma con migliori proprietà organolettiche e pochi conservanti.

L’importanza della dieta mediterranea

Mangiare sano sposando la dieta mediterranea significa mettere in tavola pasti equilibrati, ossia che apportino determinate quantità di carboidrati, grassi e proteine. L’equilibro dei nutrienti garantisce benessere e giusto senso di sazietà.

Ad esempio, una buona merenda sana per i bambini può essere il classico panino con il prosciutto, preparato con 50 g di crudo e 100 g di pane (preferibilmente integrale, più ricco di fibre), inoltre, apporta una buona quantità di proteine e carboidrati. Nutrizionalmente però non è completo: meglio aggiungere delle verdure grigliate o qualche foglia di insalata, con un cucchiaio di olio extra vergine di oliva e succo di limone, un ottimo antiossidante capace di favorire l’eliminazione del sale attraverso le urine. Se desiderate consumare il prosciutto crudo per colazione affiancatelo con due fette di pane di segale tostato e un frutto fresco.

Leggete sempre le etichette nutrizionali ed evitate i salumi in generale che contengono zuccheri aggiunti. Fruttosio e destrosio sono spesso inseriti per conferire un sapore migliore al prodotto, si tratta però di salumi di bassa qualità, che diventano così più dolci e gradevoli.

                                                    Dott.ssa Sara Cordara - nutrizionista

Per scoprire dove acquistarlo e per altre informazioni si può consultare il sito internet www.prosciuttocrudodicuneo.it e mettere "mi piace" alla pagina Facebook per rimanere sempre aggiornati sulle iniziative.

I.p.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium