/ Attualità

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Attualità | 12 novembre 2019, 08:00

Riempimento dell'alveo del Letimbro: gli abitanti di via Riborgo e via Pizzuta a Savona presentano un esposto al Prefetto

L'esposto, diretto anche al sindaco e al presidente della Provincia, vuole segnalare la situazione che si è venuta a creare e che potrebbe creare grossi problemi in caso di piena del torrente

Riempimento dell'alveo del Letimbro: gli abitanti di via Riborgo e via Pizzuta a Savona presentano un esposto al Prefetto

Gli abitanti di via Riborgo e via Pizzuta in località San Bernardo in Valle a Savona hanno presentato un esposto al Prefetto, al sindaco, al presidente della Provincia e in visione alla Procura, per segnalare la grave situazione di pericolo che si riscontra nel tratto del torrente Letimbro in località Riborgo.

Secondo i 38 firmatari dell'esposto a rendere pericolosa la situazione è l'ingombro costituito sia dalla rigogliosa vegetazione arborea presente nel torrente, ma soprattutto la grande quantità di materiale terroso che costituisce in particolare il mappale 22 del foglio 40 (come si nota nella foto allegata) del nuovo catasto terreni del Comune di Savona, creato negli anni ottanta attraverso un notevole riempimento che ha ridotto sensibilmente la portata dell'alveo.

Una richiesta, quella protocollata in Comune e Prefettura lo scorso 5 novembre, non inedita: già nel 1985, infatti, la potenziale situazione di pericolo era stata segnalata.

Nell'esposto del 1985 i cittadini delle due vie savonesi si erano concentrati su diversi aspetti: "Lungo le rive del torrente Letimbro, all'altezza della via Riborgo, in terreno presumibilmente di privata proprietà confinante con il letto del suddetto torrente, il proprietario o chi ha in godimento il terreno di che trattasi, sta operando un riempimento - si reputa abusivo - con detriti e terra di riporto tale da mettere a repentaglio il normale deflusso delle acque nei periodi di piena;in condizioni di normalità dell'alveo del torrente, in occasione di piene, l'acqua ha raggiunto livelli preoccupanti tanto da lambire la base dell'immobile sito al civico n° 12 per cui non poche volte gli abitanti del piano terra hanno dovuto abbandonare l'abitazione per motivi precauzionali; riteniamo che il riempimento in fase di esecuzione, modifichi negativamente la normale capacità dell'alveo per cui aumenterà il pericolo di fuoriuscita delle acque sino a raggiungere il livello della strada. Ciò, naturalmente, provoca l'aumento della pericolosità del torrente nei periodi di piena ed i sottoscritti interessati alla propria sicurezza chiedono l'intervento, per quanto di competenza, sia in ordine ai necessari sopralluoghi che agli opportuni provvedimenti tendenti ad eliminare il temuto danno".

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium