/ Cronaca

Cronaca | 15 novembre 2019, 08:00

Aurelia la strada più pericolosa per le due ruote nel 2018, ed il primato negativo spetta proprio alla provincia di Savona

E' quanto emerso dalla relazione annuale di ACI sulla “localizzazione degli incidenti stradali” che ha riguardato lo scorso anno solare

Aurelia la strada più pericolosa per le due ruote nel 2018, ed il primato negativo spetta proprio alla provincia di Savona

Triste primato per la statale Aurelia, la principale arteria di traffico della costa della nostra regione ed anche della nostra provincia, quello che emerge dal report annuale di ACI sulla “Localizzazione degli incidenti stradali” riguardante l'anno solare 2018.

Con 367 incidenti la statale che attraversa Lazio, Toscana e Liguria è una delle arterie di traffico più pericolose del “Bel Paese” per le due ruote. Di questi ben 226 sono avvenuti nella porzione ligure di strada, un risultato a cui la provincia savonese ha dato il suo grande contributo con ben 99 sinistri. Il peggior dato a livello provinciale.

Dando uno sguardo più generale alla statistica elaborata dall'Automobil Club Italia la provincia di Savona si piazza al 40esimo posto in fatto di incidenti avvenuti nello scorso anno solare. Dei 1.328 casi riscontrati 23 sono risultati essere i morti in altrettanti eventi e 1.698 i feriti. Dati comunque in calo rispetto al precedente biennio.

La maggior parte degli incidenti, avvenuti per lo più in strade urbane ed extraurbane principali, ha coinvolto le autovetture (58,59%), seguite dalle motociclette (21,35%) e dai veicoli commerciali (7,93%). Lo studio, in collaborazione con Istat, ha evidenziato poi come la fascia di età più soggetta ad essere vittima di incidenti è quella degli “over 65”, in particolare donne e pedoni.

Da sottolineare come a livello nazionale il trend sia praticamente stabile rispetto agli ultimi anni. Nel 2018 si sono registrati 37.228 incidenti, di cui 1.166 mortali, con un numero pressochè stabile di incidenti in autostrada, per i quali però è aumentato il numero dei morti (da non dimenticare la tragedia del Ponte Morandi).

Stabile il numero dei morti (-0,7%) su strade extraurbane nonostante il lieve aumento (+4%) degli eventi, mentre nei centri abitati diminuiscono sia i sinistri che i morti.

Mattia Pastorino

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium