/ Politica

24 Ore

Cerca nel web

Politica | 17 novembre 2019, 16:44

Celiachia, Ardenti: "Da gennaio 2020 sarà sufficiente la tessera sanitaria per l’acquisto di prodotti alimentari"

"Addio ai buoni cartacei anche per i celiaci savonesi" aggiunge il vice capogruppo regionale Lega Nord Liguria - Salvini

Celiachia, Ardenti: "Da gennaio 2020 sarà sufficiente la tessera sanitaria per l’acquisto di prodotti alimentari"

Partirà con il nuovo anno la convenzione promossa dall’Assessore Viale tra A.Li.Sa e Regione Lombardia per l’utilizzo di un software specifico (Celiachi@RL) che consentirà a circa un migliaio di celiaci savonesi di abbandonare i buoni cartacei per l’acquisto degli alimenti.

“La riforma sanitaria portata avanti in questi anni, con la costituzione di Alisa, sta mettendo in condizione il nostro sistema sanitario di cominciare a dare risposte alle esigenze dei nostri cittadini a vari livelli per tutto il territorio e non a macchia di leopardo o per iniziativa dei singoli professionisti come avveniva fino a due o tre anni fa" spiega Paolo Ardenti, vice capogruppo regionale Lega Nord Liguria - Salvini. 

"Il Sistema Sanitario che ci hanno lasciato in eredità era fortemente concentrato sulle esigenze complesse di cura, troppo spesso trascurando invece la quotidianità di pazienti e cittadini fatta di piccoli problemi a cui per anni non si  è prestata la giusta attenzione". 

"Esempio ne è la nuova modalità dei buoni dematerializzati che va incontro alle giuste aspettative dei celiaci, per i quali la spesa dei prodotti dieto-terapeutici potrà essere effettuata con maggiore libertà presso i vari negozi autorizzati dalle Asl, supermercati e farmacie. Una maggiore libertà, che unita a i tanti importanti progetti portati avanti da Aic Liguria, l’associazione rappresentativa dei pazienti celiaci, permetterà di assicurare un quadro di sempre maggiore normalità nella conduzione di una corretta dieta senza glutine".

"I problemi dei pazienti Liguri che siano complessi ed episodici o semplici ma quotidiani devono avere pari dignità, ed è il buonsenso a indicarci la via da seguire: se vogliamo che i cittadini riacquistino la fiducia nella nostra sanità (che merita per il valore dei suoi professionisti) dobbiamo dimostrare di esser capaci di attuare anche quelle soluzioni amministrative tanto semplici da risultare ovvie agli occhi dei pazienti. L’acqua calda a cui nessun politico in Liguria aveva pensato prima dell’Assessore Viale, che ringrazio per il proficuo lavoro sul territorio” conclude Paolo Ardenti, vice capogruppo regionale Lega Nord Liguria - Salvini. 

Comunicato stampa

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium