/ Sport

24 Ore

Cerca nel web

Sport | 21 novembre 2019, 19:30

Beppe Squillace e Alessio Bozano, dalle gare di Running al Cammino di Santiago di Compostela

Partiti il 10 novembre da Lisbona, nel pomeriggio di oggi, giovedì 21 novembre, Beppe ed Alessio hanno avuto l’emozione di arrivare davanti ad uno dei massimi santuari cattolici al mondo

Beppe Squillace e Alessio Bozano, dalle gare di Running al Cammino di Santiago di Compostela

La passione è la corsa, è il confrontarsi con gli altri, è l’agonismo ed il sapore della competizione.

Ma Beppe Squillace e Alessio Bozano, atleti dell’Asd RunRivieraRun e del BergTeam, hanno voluto per qualche giorno lasciare da parte la sensazione della gara e intraprendere un percorso spirituale, di convivialità, che li ha portati da Lisbona a Santiago di Compostela attraverso due territori, il Portogallo e la Spagna.

Beppe ed Alessio, già vincitori, nel 2019, il primo in staffetta alla Milano - Sanremo dello scorso aprile, il secondo nella staffetta della King of the Island di 100 miglia all’Isola d’Elba, amici e compagni di squadra, hanno deciso così di intraprendere una strada insieme che li ha condotti prima a Fatima e poi a Santiago in un tripudio di emozioni tra difficoltà altimetriche, problemi fisici, pioggia, vento, sole in un susseguirsi di condizioni climatiche che questo novembre 2019 sa regalare al meglio.

Ma il Cammino è qualcosa di più che una strada da seguire, è un’esperienza di vita che ti segna, ti fortifica e ti mette di fronte a te stesso.

Partiti il 10 novembre da Lisbona, nel pomeriggio di oggi, giovedì 21 novembre, Beppe ed Alessio hanno avuto l’emozione di arrivare davanti alla Cattedrale di Santiago (Giacomo) di Compostela, uno dei massimi santuari cattolici al  mondo, dove all’interno, i fedeli venerano le reliquie di San Giacomo il Maggiore, patrono di Spagna.

Comunicato Stampa

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium