/ Attualità

24 Ore

Cerca nel web

Attualità | 01 dicembre 2019, 19:00

Provincia, stanziati 250mila euro per la messa in sicurezza del tetto di villa Gavotti

Sulla casa cantoniera di Calizzano si registra un interessamento dell'arma dei carabinieri

Provincia, stanziati 250mila euro per la messa in sicurezza del tetto di villa Gavotti

Erano andate deserte in due occasioni le aste dedicate agli immobili dell'ex Provveditorato agli studi di Via Trilussa, l'ex Albergo Miramare di Via Famagosta, la ex Villa Gavotti di piazza Legino a Savona.

Al secondo tentativo, il primo andato a vuoto e aveva la scadenza lo scorso 10 luglio, non era pervenuta di nuovo nessuna offerta, ma da qualche settimana probabilmente qualcosa si sta muovendo. Nel frattempo, Palazzo Nervi dopo il consiglio provinciale di ieri ha stanziato, tramite una variazione di bilancio, circa 250mila euro per la messa in sicurezza del tetto di Villa Gavotti a forte rischio crollo.

"Stiamo cercando di gestire in maniera attiva, abbiamo situazioni differenti, quella meno piacevole riguarda Villa Gavotti, immobile di grande pregio ma difficile da gestire, ha bisogno di un intervento d'urgenza per la messa in sicurezza. Nel comprensorio savonese qualcosa si sta muovendo, abbiamo avuto alcuni contatti, effettuato sopralluoghi che sembrano di un certe interesse e ovviamente consentirebbero di mettere a regime delle risorse che attualmente sono un costo e naturalmente a farle ritornare a vita" spiega il presidente della Provincia Pierangelo Olivieri.

Per la casa cantoniera di Calizzano, messa all'asta alla cifra di 200mila euro e successivamente a 180mila, ci sono importanti novità: "E' oggetto di potenziale interesse da parte dell'arma dei carabinieri per definirci la nuova sede sia per la forza dell'ordine territoriale che la forestale dell'alta Val Bormida. Sarebbe una bella operazione di sinergia tra gli enti".

Per le altre tre aste, il Provveditorato partiva da una base d'asta di un milione di euro, il complesso immobiliare nella zona del Miramare da un milione e 248mila (l'ex Enaip è di circa 3000 mq) e villa Gavotti da 700mila euro. 

 

Luciano Parodi

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium