/ Varazzino

Varazzino | 07 dicembre 2019, 13:01

Varazze, il Comitato del Viadotto Teiro si riunisce in emergenza: "La caduta poteva provocare dei morti"

I cittadini: "Ora ci vogliono le barriere di protezione per garantire l'incolumità pubblica"

Varazze, il Comitato del Viadotto Teiro si riunisce in emergenza: "La caduta poteva provocare dei morti"

"Il comitato viadotto Teiro ritiene di una gravità estrema l’incidente avvenuto ieri. La caduta di un tondino di ferro per costruzioni ha drammaticamente riportato all’evidenza di tutti l’allarme sicurezza lanciato negli anni dai residenti. E ancora più inquietante è che la pesante barra di metallo sia piombata pesantemente sulla cancellata dell’ingresso della residenza protetta La Tolda, nonchè su un passaggio pedonale frequentatissimo dagli abitanti della zona. Potevano esserci morti e feriti".

Il comitato varazzino che da anni lotta contro la situazione riscontrata sul viadotto Teiro a Varazze, è intervenuto in merito alla caduta avvenuta ieri sull'autostrada A10. L'allarme lanciato dal deputato del M5S Sergio Battelli era stato ridimensionato dopo un controllo di Autostrade e dei vigili del fuoco che hanno riscontrato che la caduta della barra di ferro è stata causata dalla perdita di carico da parte di un mezzo pesante carico di barre per la posa del cemento che viaggiava in direzione est.

"Consapevoli dei rischi che si corrono quotidianamente transitando sotto il ponte in questione, i cittadini chiedono quindi e con ancor più forza, l’installazione urgente di barriere – fonoassorbenti e di reale protezione da perdite di carico ed incidenti stradali – ai due lati della carreggiata soprastante, lungo tutto il tracciato del viadotto, a completamento dei lavori di ristrutturazione avviati dallo scorso settembre a livello strada e attorno ai piloni di sostegno. Pur ammettendo che, a rigore, la competenza esclusiva sulle barriere sia del Ministero dei Trasporti – peraltro già informato dell’accaduto - questo comitato invita comunque la Società Autostrade e tutti gli Enti preposti alla sicurezza dei cittadini – Comune, Protezione Civile, Vigili del Fuoco - ad adottare senza più indugi tutte quelle misure necessarie per garantire con ogni mezzo tecnico la pubblica incolumità sotto un cavalcavia che, lo ricordiamo ancora una volta, è stato costruito dieci anni prima del ponte Morandi di Genova" continua il portavoce del Comitato Angelo Verrando.

"Il viadotto Teiro è inspiegabilmente l’unico in Liguria a non disporre di barriere lungo il tracciato. Oggi è ancora una giornata di grande apprensione per tutti gli abitanti della zona. Ma con ciò che è successo ieri, poteva essere triste e luttuosa. Per i numerosi degenti, medici e assistenti della residenza La Tolda, e per i passanti. Riteniamo che solo un miracolo abbia scongiurato tutto ciò. Tuttavia non dobbiamo forzare la mano della Provvidenza. Facciamo ciò che serve e facciamolo subito, senza aspettare troppo i tempi della burocrazia. Per il bene di tutti" conclude Verrando. 

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium