/ Economia

Economia | 12 dicembre 2019, 16:54

Mancato rinnovo della cedolare secca per gli affitti commerciali, campanello dall'allarme per FIMAA

Continua ad essere importante, secondo la Federazione degli Agenti di Affari, il numero delle saracinesche che si abbassano a Savona e provincia

Immagine di repertorio

Immagine di repertorio

E' la Federazione degli Agenti d'Affari a lanciare l'allarme sulle ripercussioni, a livello savonese e non solo, della scelta in materia fiscale da parte del governo giallorosso di non inserire nella prossima legge di bilancio la cedolare secca per gli immobili commerciali

Spiega FIMAA: "Nel nostro Capoluogo come nei piccoli Comuni anche costieri ed in ogni parte d’Italia - spiega la nota - i negozi stanno vivendo una crisi senza precedenti, a causa dello strapotere di internet, delle multinazionali che spesso fanno affari da noi e pagano le tasse all’estero e del potere attrattivo dei grandi centri commerciali".

Prosegue la federazione che aderisce a Confcommercio: "Non si fa che spendere parole a favore del commercio al dettaglio e dell’importanza di avere vetrine accese nelle nostre città e nei centri storici per contrastare il degrado ed aumentare la sicurezza pubblica ma i fatti concreti non vanno in quella direzione ed assistiamo impotenti all’abbassarsi definitivo di tante saracinesche".

Quale incidenza avrà questa scelta del governo? "Tutto questo si traduce non solo in danno per il comparto immobiliare ma anche e soprattutto in un danno per i commercianti che con il loro lavoro tengono vivo il centro di ogni città amalgamandosi con il tessuto sociale e con la quotidianità di ciascuno di noi, ogni vetrina spenta è un 'fallimento della politica'".

Continua poi FIMAA: "Il mancato rinnovo della cedolare secca del 21% per gli affitti commerciali a pochi giorni dalla fine dell’anno è un’occasione persa ed è l’ennesima scure che si abbatte sul comparto immobiliare, ci si chiede per quale motivo chi ci governa non riesca a mettere in campo un programma serio e ad ampio spettro che non preveda sempre e comunque di attingere al patrimonio immobiliare e decidendo di agire su un settore che è sempre stato trainante per l’economia".

"F.I.M.A.A-Savona, Federazione Italiana Agenti d’Affari aderente a Confcommercio Imprese per l’Italia, nella persona della sua Presidente Provinciale Laura Forzano, si unisce al coro unanime dei colleghi auspicando in un ripensamento ed un repertino cambio di rotta" conclude l'associazione di categoria.

Comunicato stampa

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium