/ Politica

Politica | 12 dicembre 2019, 20:48

Val Bormida isolata dal maltempo, da Cosseria una lettera alle istituzioni per tracciare un piano di miglioramento delle arterie di comunicazione

Il sindaco Molinaro: "Non tutti sono a conoscenza di cosa sia realmente accaduto nella Provincia di Savona"

Val Bormida isolata dal maltempo, da Cosseria una lettera alle istituzioni per tracciare un piano di miglioramento delle arterie di comunicazione

Roberto Molinaro, sindaco di Cosseria, informa di una lettera inviata al MIT e a Regione Piemonte e Liguria, ai 4 Presidenti delle Province e ai 4 Prefetti corrispondenti di Savona, Alessandria, Asti e Cuneo (la Val Bormida totale): è il frutto di un intenso scambio di comunicazioni con le Dirigenti Scolastiche della Val Bormida.

"Non c'è alcuna volontà di incolpare enti locali o amministratori - spiega il primo cittadino di Cosseria - abbiamo deciso di far emergere le criticità nel caso in cui la Val Bormida resti nuovamente isolata, com'è capitato durante l'allivione del mese scorso, fatto di per se non unico perchè è già capitato nell'ottobre del 2018 con il fortissimo vento di scirocco e con la nevicata del 5 marzo 2017. Ripeto senza additare nessuno, quando non si può circolare né in auto né con i mezzi pubblici, viene a mancare l'energia elettrica e i mezzi di comunicazione (telefono fisso, cellulare ed internet) non funzionano, diventa un problema serio e potenzialmente pericoloso gestire il territorio ed è quasi impossibile mantenere i contatti con la popolazione".

"Con le Dirigenti Scolastiche che hanno ben presente le problematiche che sussistono al di fuori dei plessi scolastici - prosegue Molinaro - abbiamo deciso di scrivere agli enti competenti. Si tratta di tracciare una linea e da quella poter partire con lavori per un miglioramento radicale delle nostre arterie di comunicazione; nello specifico autostrada nuova Savona - Alessandria, raddoppio del binario per Savona, installazione di pannelli digitali sulle principali arterie della Val Bormida e pensando a tutelare ancora di più la nostra salute e con l'aiuto di finanziamenti auspichiamo che l'ospedale di Cairo verrà potenziato. Una cosa è certa ed è emersa durante l'incontro di ieri in Prefettura: non tutti sono a conoscenza di cosa sia realmente accaduto nella Provincia di Savona, questa lettera ha l'intento di bussare a più portoni".

*in allegato la lettera inviata al MIT e a Regione Piemonte e Liguria, ai 4 Presidenti delle Province e ai 4 Prefetti corrispondenti di Savona, Alessandria, Asti e Cuneo

Files:
 Valbormida alluvione novembre 2019 (1.2 MB)

redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium