/ Attualità

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Attualità | 22 gennaio 2020, 17:10

Savona, il sindaco scrive ad Aned e Isrec per le "pietre di inciampo" in memoria dei cittadini savonesi deportati nei lager

Il progetto vedrà coinvolta anche la senatrice Liliana Segre, che verrà invitata alla presentazione. Intanto anche a Varazze verranno posizionate 15 pietre d'inciampo in Piazza Pietro Bovani

Savona, il sindaco scrive ad Aned e Isrec per le "pietre di inciampo" in memoria dei cittadini savonesi deportati nei lager

Una lettera inviata ad Isrec e Aned per proporre una collaborazione e promuovere un progetto finalizzato all'installazione di "pietre di inciampo" in memoria dei cittadini savonesi deportati nei campi di sterminio.

Il sindaco di Savona Ilaria Caprioglio in prima commissione consiliare ha letto la lettera trasmessa alla presidente dell'Istituto Storico della Resistenza Franca Ferrando e a Maria Bolla, presidente dell'Associazione Nazionale Ex Deportati, concentrandosi anche sull'invito alla senatrice Liliana Segre ad un consiglio comunale aperto, insieme al consiglio comunale dei ragazzi, per proporre la partecipazione ad una iniziativa dedicata agli studenti delle scuole in occasione della presentazione del progetto legato alle pietre d'inciampo. Oltre alle due associazioni indicate nella lettera sono state comprese le altre associazioni savonesi fra le quali la Comunità Ebraica.

La presenza all'evento (che verrà probabilmente organizzato nella Sala della Sibilla sulla Fortezza del Priamar) dell'89enne, superstite e testimone della Shoah per la quale nel consiglio comunale di dicembre era stata richiesta la cittadinanza onoraria, potrà consentire anche di raccogliere i nominativi di tutte le persone che verranno inserite nell'iniziativa legata alle pietre d'inciampo.

Intanto anche a Varazze, su delibera della giunta comunale, verranno posizionate in piazza Nello Bovani 15 pietre d'inciampo in memoria dei deportati varazzini deceduti nei campi di concentramento in Germania.

Le pietre verranno realizzate con una lastra in ottone con incisi i nominativi, fissati su un cubetto in porfido rosso. Verranno sostituite le attuali lastre di pavimentazione.

Luciano Parodi

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium