/ Politica

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Politica | 22 gennaio 2020, 13:00

Savona, non è a rischio (per ora) la delega della viabilità di Arecco, Ripamonti: "Il capo è il sindaco ma l'assessore è in buona fede"

Questa mattina si è svolto l'incontro in comune tra i coordinatori provinciali della Lega, di Forza Italia e Liguria Popolare con il sindaco Caprioglio: al centro la frattura con il vice sindaco Arecco

Savona, non è a rischio (per ora) la delega della viabilità di Arecco, Ripamonti: "Il capo è il sindaco ma l'assessore è in buona fede"

"Credo che ci sia un capo, che è il sindaco e bisogna prenderne atto, la buona fede di Massimo Arecco comunque non è in discussione".

Questo il commento del commissario della Lega Paolo Ripamonti dopo l'incontro con il sindaco di Savona Ilaria Caprioglio e i coordinatori provinciali di Forza Italia e Liguria Popolare Marco Melgrati e Matteo Marcenaro, con al centro oltre alle "strategie" legate alle prossime elezioni regionali, anche la frattura creatasi all'interno della maggioranza tra la prima cittadina e il vicesindaco e assessore alla viabilità Massimo Arecco.

Uno scontro che si è creato a causa della bozza del piano del traffico presentata dall'assessore leghista, bocciata in sede di Giunta ma portata comunque avanti, prima pubblicata nel blog della Lega e poi per la presentazione ai consiglieri di minoranza. Una decisione che non è piaciuta al sindaco e che è sfociata in una destabilizzazione politica annunciata in sede di commissione consiliare mettendo a serio rischio la delega della viabilità in mano ad Arecco.

"Abbiamo parlato di politica, ci aggiorneremo a breve e faremo delle valutazioni votate al bene della città. Le frizioni ci sono dappertutto, ci sono dei caratteri diversi e li mettiamo insieme, noi facciamo da estintori. La politica deve essere in grado di trovare una soluzione, ritrovando una coesione che è necessaria in questo ultimo anno e mezzo. Le deleghe del vicesindaco non sono in discussione" ha spiegato Ripamonti alla fine dell'incontro.

"Ci siamo presi del tempo per fare delle verifiche, per incontrare le parti e discutere i concetti, trovare un'intesa nel bene della città per risolvere il problema. La politica è fatta di persone, bisogna smussare gli angoli e gli stimoli - continua Marco Melgrati, non facendo mancare una precisazione politica - comuqne sia il piano del traffico bisogna farlo il primo anno e non l'ultimo perchè così si possono fare le modifiche del caso".

"In questo momento il piano del traffico, che ha creato grandi difficoltà di comunicazione, passa in secondo piano perchè bisogna rilanciare la città" ha proseguito Matteo Marcenaro.

"Si è svolto un incontro proficuo e sereno con i coordinatori provinciali al quale ne seguirà uno la prossima settimana" il commento del sindaco Caprioglio.

Luciano Parodi

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium