/ Economia

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Economia | 12 febbraio 2020, 10:19

8 consigli pratici per ridurre i costi delle stampe in ufficio

Nonostante oggi usiamo molto la digitalizzazione, per lavorare in ufficio abbiamo bisogno di stampare moltissimi documenti

8 consigli pratici per ridurre i costi delle stampe in ufficio

Nonostante oggi usiamo molto la digitalizzazione, per lavorare in ufficio abbiamo bisogno di stampare moltissimi documenti. Infatti, la stampa in ufficio è ancora essenziale e necessaria per portare avanti il lavoro. Si tratta però di un costo molto alto perché dobbiamo mettere in conto il toner, carta bianca per l'ufficio, la stampante e le eventuali riparazioni. Basterebbero piccoli accorgimenti e attenzioni per ridurre i costi legati alle stampe in ufficio e ne abbiamo elencati addirittura 8 nei paragrafi che seguono.

Stampa fronte – retro

Il primo trucco per ridurre i costi della stampa è forse anche il più conosciuto, cioè stampare fronte – retro. Il foglio viene stampato da una parte e dall’altra per ridurre il numero di fogli che si utilizzano ogni volta. Le stampanti più moderne lo fanno in automatico mentre con quelle un po’ più datate, tocca farlo manualmente ma con un po’ di pratica dovremmo riuscirci nel giro di poco.

Riutilizzare le stampe sbagliate

A molti capita di sbagliare la stampa ma non commettiamo l’errore di gettare via il foglio che invece può essere utilizzato in diversi modi. Accanto alla stampante sistemiamo un contenitore dove mettere le stampe sbagliate a disposizione di tutti. Possiamo utilizzare la parte bianca del foglio per prendere appunti oppure semplicemente per realizzare altre stampe di prova interne dei documenti meno importanti.

Solo bianco e nero

Ogni volta che lanciamo una stampa in ufficio, ricordiamoci di selezionare la modalità bianco e nero che consente un notevole risparmio sui colori. Grazie a questa piccola attenzione, facciamo durare di più il toner a colori e non ci tocca sostituirlo ogni mese. La maggior parte delle volte non è necessario utilizzare i colori per stampare i documenti perciò possiamo farne a meno.

Un font semplice

Quando si parla di font, si fa riferimento al carattere utilizzato per scrivere i nostri documenti. In pochi sanno che alcuni font sono in grado di contribuire alla riduzione dei costi della stampante. I caratteri di scrittura più semplici garantiscono un ridotto consumo del toner, come succede nel caso del Century Gothic.

Meglio senza immagini

Immagini, grafici, diagrammi e fotografie consumano una grande quantità di inchiostro del toner perciò vanno ridotte al minimo. Inoltre, sarebbe consigliabile realizzarle in scala di grigi per ridurre i costi di stampa.

Selezione delle pagine

Moltissime volte non ci serve un intero documento ma solo alcune parti di esso, ma per pigrizia siamo abituati a stampare tutto quanto. Dovremmo invece prendere la buona abitudine di selezionare il testo oppure le pagine che ci servono e stampare unicamente quelle.

Il toner da scegliere

Per ridurre i costi della stampante, proviamo a scegliere toner compatibili e non per forza quelli originali che spesso sono piuttosto costosi. In moltissimi uffici oggi si preferisce rigenerare la cartuccia invece di acquistarne una nuova perché è meno costoso ma anche più rispettoso verso l’ambiente.

Solo se necessario

Stampare è ormai un’abitudine insita ma dovremmo cambiare il nostro modo di lavorare per ridurre le stampe e aumentare invece la digitalizzazione. Ricordiamo dunque di stampare solo se necessario e aumentare invece i sistemi di condivisione dei documenti digitali.

Richy Garino

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium