/ Sanità

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Sanità | 26 febbraio 2020, 13:19

Alassio, intervista ad un cameriere dell'hotel 'Bel Sit' in quarantena da ieri dopo il caso della turista lombarda (VIDEO)

All’interno le ore si passano guardando la televisione e, soprattutto, cellulari e tablet per avere notizie sulla situazione del virus

Alassio, intervista ad un cameriere dell'hotel 'Bel Sit' in quarantena da ieri dopo il caso della turista lombarda (VIDEO)

Sono tutti in quarantena, confinati all’interno degli alberghi ‘Bel Sit’ e ‘Al Mare’, clienti e dipendenti delle due strutture alberghiere dove si trovano le comitive di cui faceva parte la donna di 72 anni, lombarda, che ha contratto il Coronavirus e che è la prima paziente ‘ligure’ scoperta.

Ovviamente i contatti con l’esterno sono assolutamente vietati e, nelle strutture vengono portati solo i pasti da ieri, con personale che ha assunto le protezioni necessarie per evitare il contagio. All’interno le ore si passano guardando la televisione e, soprattutto, cellulari e tablet per avere notizie sulla situazione del virus. Si può rimanere in contatto con amici e parenti grazie ai telefonini e, proprio così abbiamo raggiunto Alber Baca, un cameriere dell’hotel ‘Bel Sit’.

Alber ha raccontato come ha trascorso le ultime ore: “Quando ci hanno detto che il tampone era negativo ci sono stati gli applausi di tutti ma, quando invece è arrivata la notizia contraria, siamo andati tutti in ansia e tutti sono stati bloccati. Anche per noi che, dopo essere stati con i clienti al ristoranti, abbiamo continuato a fare la nostra vita con i normali contatti”.

Come hai trascorso la notte: “Totalmente in bianco mentre ora i clienti sono tutti nelle rispettive stanze, ma vogliono ovviamente conoscere ovviamente le condizioni della donna. Noi non possiamo uscire dalle nostra camere mentre i clienti girano per i corridoi. Ora stiamo attendendo il pranzo dopo i panini che ci hanno portato ieri anche se l’agitazione e l’ansia sono palpabili”.

La consegna dei pasti: 

Roberto Vassallo e Mattia Pastorino

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium