/ Attualità

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Attualità | 26 marzo 2020, 10:51

L'appello del presidente degli albergatori finalesi Marchese: "Sospendiamo gli affitti alle attività commerciali"

Alle porte di una Pasqua ormai andata persa e di una stagione estiva incerta dall'associazione un appello al senso di comunità

L'appello del presidente degli albergatori finalesi Marchese: "Sospendiamo gli affitti alle attività commerciali"

È una lettera aperta a tutti i proprietari di immobili ad uso commerciale ed alberghiero che suona come una sorta di chiamata alla solidarietà collettiva quella che giunge dal presidente dell'Associazione Alberghi e Turismo di Finale Ligure e Varigotti, Marco Marchese. 

"Buongiorno, abbiamo tutti paura, non si sa quando si potrà tornare alla normalità, se mai ci torneremo - esordisce Marchese - tutte le attività sono chiuse da ormai un mese. Tutto questo è avvenuto improvvisamente, senza la minima preparazione, per di più quando si stava per uscire dal 'tunnel' invernale, con le casse praticamente vuote". 

Il grande rimpianto nell'immediato è per tutti la Pasqua, ormai compromessa: "Tutti aspettavano, come ogni anno, la settimana pasquale per tirare una boccata di ossigeno. Sì, perché sono anni che ormai il commercio è sempre più in crisi, non ve ne siete accorti? Siamo tutti nella stessa barca! Finale Ligure vive sul turismo, non solo con gli alberghi, ma con i ristoranti, bar, pubblici esercizi, negozi. Questo incantesimo si è spezzato e chissà quando ritornerà; perché io voglio credere che ritorni".

Prosegue Marchese: "Sapete già dove voglio arrivare e vi garantisco che ci giro intorno perché mi manca il coraggio di chiederlo, lo stesso coraggio che io credo manchi a chi ogni mese vi paga il dovuto. Contrattualmente siete in una botte di ferro, ma ci pensate? Se domani vi telefonasse il vostro affittuario e vi dicesse: “Guardi mi spiace ma non riesco più a pagarle l’affitto”. Sarebbe anche per voi una mazzata, perché sapete anche voi benissimo che non sarebbe facile trovare nuovi affittuari; non era facile nei tempi ante coronavirus, figuriamo dopo questa crisi senza precedenti".   

Un grido d'allarme, d'aiuto. Ma anche un appello all'Unione per superare un domani l'emergenza economica: "Capisco che su quella entrata avevate fatto affidamento, ma anche chi sta in casa vostra confidava nel solito tran-tran che gli avrebbe permesso di pagarvi l'affitto. Qualche proprietario ha già fatto il passo di sospendere o ridurre il pagamento dell’affitto, fino a che non riprenderà l’attività e questo è un grande gesto, molto importante perché sostiene, non solo economicamente, ma anche moralmente chi non si arrende e vuole difendere la propria attività". 

"Mi auguro che molti altri seguano l’esempio di questi 'illuminati' e se questo succederà avremo dimostrato, una volta di più che cosa è veramente una comunità" conclude il presidente degli albergatori finalesi.

Mattia Pastorino

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium