/ Eventi

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Eventi | lunedì 06 luglio 2015, 09:30

La bella inquieta dell’anno Valeria Golino premiata a Millesimo

Ieri sera la premiazione dell'attrice che ha ricevuto la Coppa Volpi, due David di Donatello, 4 Nastri d'argento, 3 Globi d'oro e 3 ciak d'oro

La bella inquieta dell’anno Valeria Golino premiata a Millesimo

Valeria Golino ha ricevuto ieri sera il premio "inquieta dell'anno" a Millesimo, dall'associazione "Circolo degli inquieti" di Savona.

La celebre manifestazione costituita dal 1996 con il titolo “Festa dell’inquietudine” ha cambiato da quest’anno l’intestazione in “Un Millesimo di inquietudine”, in omaggio alla cittadina che l’ha accolta a braccia aperte, con buona partecipazione di pubblico.
Durante la serata abbiamo potuto assistere, nel salotto ottocentesco allestito sul palco in piazza Italia, davanti alla porta del Comune di Millesimo, ad un dialogo diretto fra il presidente Elio Ferraris e l’attrice, in cui abbiamo potuto ammirare una Golino molto graziosa, semplice, simpatica, sincera e spiritosa. Su un grande pannello sono stati proiettati alcuni spezzoni dei suoi famosi film. E’ giunta molto attesa nella cittadina, ed ha stupito il suo vestito fiorato molto casto stile anni ’50, sulla scia della celebre fiction Rai “Velvet”, e sono rimaste deluse le fans del suo altrettanto famoso fidanzato italiano Riccardo Scamarcio, impegnato per lavoro cinematografico nella sua amata Puglia.

 
Il premio “inquieto” le è stato assegnato per “la vivacità intellettuale e sentimentale, il desiderio mai completamente soddisfatto di conoscere e di conoscersi, di comprendere se stesso e gli altri e di intraprendere iniziative e avventure nuove”.

Lei lo ha dedicato alla Grecia, città natale di sua madre pittrice, accennando al difficile momento storico ed economico che ha segnato per sempre la sua popolazione, e il futuro dell’Unione Europea e dell’Euro.

 

Ci ha narrato del suo recente film che l’ha vista debuttante anche come regista, “Miele”, avendo già un bel background di carriera d’attrice a cavallo fra i due continenti italiano ed americano, ricevendo numerosi premi tra i quali: la Coppa Volpi per la migliore interpretazione femminile alla 43ª Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia, 2 David di Donatello a fronte di 12 candidature, 4 Nastri d'argento, 3 Globi d'oro, 3 Ciak d'oro.

 

Ci ha fatto sorridere Valeria che, meravigliata per i grandi elogi che le sono stati fatti in diretta, si è stupita per aver ricevuto in premio solo una piccola pentola di terracotta schiacciata da un lato, con i manici sconnessi, con all’interno un panno di lino con il suo nome e premio conferito ricamati. Il premio è in effetti la famosa “sghimbescia”, perché il premio non ha valore pecuniario ma solo simbolico, anche se per chi non conosce gli intenti dell’associazione savonese, potrebbe veder confermata l’avarizia ligure, se pur ironica e dal “mugugno libero”, con un accessorio antico in ricordo della cucina tradizionale dei nostri nonni. Solo un suggerimento per il futuro: sarebbe bello sfatare questo falso mito, disponendo anche solo 50 Euro (dai contributi ricevuti dalla Fondazione De Mari per organizzare e pubblicizzare l’evento in pompa magna), per acquistare una ceramica coinvolgendo i ceramisti liguri tra i più “inquieti”, (dono da abbinare alla semplice pentola), esportando anche arte ligure “inquieta”.

 

Oltre agli organizzatori dell’evento, sono saliti sul palco molto emozionati anche il sindaco di Millesimo Pietro Pizzorno, la dottoressa Lara Giacchello e l’ingegnere Andrea Manconi che hanno curato l’evento che procederà nelle giornate e serate del 18 e 19 luglio all’insegna del buon cibo e vino presso i due rinomati Castelli di Millesimo, Del Carretto (Villa Scarzella) e Centurione (Ex monastero), e in Piazza Italia con una grande personalità della musica quale Shel Shapiro. Il programma in dettaglio: http://www.circoloinquieti.it/programma-un-millesimo-di-inquietudine/

 

Ha allietato la serata con alcune musiche prescelte ad hoc per la cerimonia “inquieta”, il bravo sassofonista cairese Roberto Rebuffello (Fiello), che abbiamo potuto ammirare da svariati anni nel duo classico “The Duet” e nella rock band “Under the Tower”.

 

Nelle precedenti edizioni sono stati premiati come “inquieti” grandi personalità quali: 2013 Ramin Bahrami (Isola di Lampedusa) - 2012 Guido Ceronetti - 2011 Ferruccio de Bortoli (Abitanti de L’Aquila) - 2010 Renato Zero - 2009 Elio (di Elio delle Storie tese) - 2008 Don Luigi Ciotti - 2007 Milly e Massimo Moratti - 2006 Raffaella Carrà - 2005 Règis Debray - 2004 Costa-Gavras - 2003 Oliviero Toscani - 2002 Barbara Spinelli - 2001 Antonio Ricci - 2000 Gino Paoli - 1998 Francesco Biamonti - 1997 Gad Lerner - 1996 Carmen Llera Moravia

 

Per la prossima edizione si vocifera presenti, come da promessa della Golino, lei stessa accompagnata da Riccardo Scamarcio, ma è stato anche fatto il nome di un possibile candidato all’inquieto 2015, Sergio Rubini, nonché Sean Penn, registi che l’hanno diretta entrambi in prestigiosi film.   

Simona Bellone

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore