/ Politica

Spazio Annunci della tua città

Centralissimo vicinissimo mare in viale Martiri della Liberta` contratto 4+4 residente arredato 11 vani 210mq....

Centrale via Aurelia n.91 a 80 metri mare con parcheggio pubblico a 15 metri contratto 6+6 negozio in ordine 60mq. e...

Centrale via Aurelia n.91 a 80 metri mare con parcheggio pubblico a 15 metri contratto 6+6 negozio in ordine 60mq. e...

Bellissimo Motore e frizione nuovo Sedili nuovi Stacco batteria Posti 2+2 porte estive Porte invernali ...

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Politica | martedì 14 novembre 2017, 18:15

Piano energetico, Melis (M5S): "Bene puntare su efficientamento energetico e sviluppo rinnovabili, ma restano perplessità sul provvedimento"

"Approvati 3 nostri ordini del giorno migliorativi del testo"

 

Approvati oggi in Consiglio regionale tre ordini del giorno del MoVimento 5 Stelle che recepiscono altrettanti emendamenti al Piano energetico regionale e consentono di mettere al centro dell'agenda ligure futura efficientamento energetico e promozione delle fonti rinnovabili.

Esprime soddisfazione il consigliere regionale M5S Andrea Melis, primo firmatario dell'Ordine del giorno: "Con questi correttivi impegniamo la Giunta Toti a incentivare le elettrificazione delle banchine portuali attraverso la riprogrammazione dei Fondi Por Fesr 2014-2020, che dovranno essere rimodulati in questa direzione. Per raggiungere quest'obiettivo servirà - e abbiamo spinto in questo senso - un rapporto più proficuo con le varie autorità portuali, attraverso i rappresentanti interni della stessa regione. Al tempo stesso - sottolinea Melis - abbiamo promosso la realizzazione di una banca dati energetica regionale, prendendo a esempio il progetto di Genova che mappa i consumi della città evidenziando le aree più energivore. Infine, abbiamo promosso l'aggiornamento delle norme regionali che disciplinano la certificazione energetica, soprattutto delle strutture di vendita, per consentirne un'esatta classificazione". 

Restano, tuttavia, alcune perplessità sul PEAR da parte del Gruppo M5S Liguria, che si è astenuto nel voto finale al provvedimento.

"Quello che è passato oggi è un piano anche condivisibile sui principi ma nato già vecchio, fermo al 2014 e presentato poche settimane fa dall'assessore Rixi con una serie di riferimenti e criteri obsoleti, in alcuni casi risalenti addirittura al 2011. Cos'ha fatto la Giunta Toti da quando si è insediata in Regione? - attacca Melis - Bene puntare su efficientamento energetico e sviluppo delle rinnovabili, da sempre assi portanti del nostro programma, ma ogni autorizzazione andrà misurata opportunamente attraverso una ferrea vigilanza sull'impiego di fondi e risorse. Dispiace che, dopo tre anni di attesa, ci si sia ridotti a discutere e a votare il Piano energetico in fretta e furia in poco più di tre settimane, senza un vero percorso approfondito e condiviso con tutti gli stakeholder interessati. Insomma, un risultato ottenuto solo a metà, con alcuni spunti e altrettante criticità, anche di metodo, su cui occorre una seria riflessione. Da domani bisogna già pensare al prossimo PEAR che traguarda la visione del futuro energetico della Regione dal 2020 in poi."

c..s

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore