/ Loanese

Spazio Annunci della tua città

generico settore agricoltura allevamento avicolo a tempo indeterminato azienda agricola del Monferrato (AL) ricerca...

Bellissimi cuccioli neri altissima genealogia americana. Disponibili subito un maschio e una femmina solo amanti razza....

Vendo divano in pelle 3 posti, marca Divani&Divani, colore verde acquamarina chiaro. Ottime condizioni, no macchie,...

Per il comune di Pietra Ligure (SV) . Ottima zona per presenza Ospedale Santa Corona e turismo, bassi costi di...

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Loanese | martedì 13 marzo 2018, 22:59

Loano, a Palazzo Doria la conferenza “Adolescenza: incontriamoci a metà strada”

Appuntamento fissato per sabato 17 marzo alle ore 16

 

Si intitola “Adolescenza: incontriamoci a metà strada” la conferenza in programma per sabato 17 marzo alle ore 16 presso la biblioteca civica di Palazzo Kursaal a Loano. A condurre l'incontro sarà Stefania Lanaro, psicologa e psicomotricista. La conferenza è organizzata dall'Unitre di Loano e gode del patrocinio dell'assessorato a turismo, cultura e sport del Comune di Loano.

L’adolescenza è spesso un periodo della vita demonizzato e temuto, come se dall’oggi al domani il bambino potesse subire una trasformazione repentina e “pericolosa” tale da mettere in discussione l’esistenza del gruppo famiglia. Ma questo momento è un periodo fisiologico della nostra esistenza, un passaggio, una traversata che per essere produttiva deve essere vissuta pienamente, con quella carica emotiva affettiva necessaria in un clima di ascolto ma anche e soprattutto di contenitori che tengono e accolgono.

Stefania Lanaro è nata nel 1966 ed è cresciuta e vissuta in provincia di Savona a Varazze prima e Loano successivamente. E’ una fisioterapista, laureata in psicologia (laurea triennale e laurea magistrale) ma soprattutto una psicomotricista. Ha frequentato il corso triennale di specializzazione in pratica psicomotoria e poi il corso biennale sull’aiuto psicomotorio individuale presso l’Istituto per la Formazione e la Ricerca Applicata (Ifra) di Bologna, scuola che segue i principi della pratica psicomotoria di Bernard Aucouturier.

Ha iniziato il percorso lavorativo presso l’istituto medico psico-pedagogico di Toirano con bimbi e ragazzi con disabilità psico-fisica. E’ stato un percorso difficile perché il contatto con la disabilità rimette in gioco tutto il proprio “sapere accademico” ma soprattutto mette in discussione tutte le certezze e porta a capire che l’incertezza, l’ascolto e il desiderio di conoscere sono la base del proprio lavoro ma anche della propria vita. Incertezza quindi come stimolo per la scoperta e per far nascere il desiderio di mettersi continuamente in discussione.

Questo desiderio di mettersi in discussione e di scoprire nuove realtà ha portato a cambiare sede lavorativa, sempre presso l’Asl2 savonese ma nel Dipartimento di Salute Mentale e più precisamente nel Centro dei Disturbi Alimentari dell’Adolescenza di Santa Corona. Luoghi dove i corpi mostrano la loro sofferenza, corpi simili e diversi tra loro, dove il vuoto, la paura e la sofferenza invadono tutto lo spazio. Ha avuto la fortuna di poter condividere uno spazio e un tempo con il gruppo dei ragazzi, l’ora e mezza settimanale dedicata alla ricerca di un corpo soggetto e un luogo dove il non giudizio e il rispetto sono la cornice alla scoperta di sé stessi, delle proprie paure, dei propri vuoti. Da questa esperienza che continua tuttora è nata la tesi di laurea magistrale in psicologia “Incontrare il corpo”. 

c.s.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore