/ Politica

Spazio Annunci della tua città

Libera su 3 lati: camera, sala, bagno, cucina con uscita in giardino. Terreno 13.000 mt bosco castagni e frutteto....

Jordan nato 16/04/2018 magnifico sano cucciolo sverminato ciclo vaccinale completo libretto sanitario e certificazione...

generico settore agricoltura allevamento avicolo a tempo indeterminato azienda agricola del Monferrato (AL) ricerca...

Bellissimi cuccioli neri altissima genealogia americana. Disponibili subito un maschio e una femmina solo amanti razza....

Che tempo fa

24 Ore

Cerca nel web

Politica | martedì 13 marzo 2018, 09:48

Finale Ligure, il Gruppo Misto: "Incapacità e superficialità nella gestione dei lavori in via Drione"

I consiglieri fanno riferimento al Catasto Napoleonico, nel quale erano riportati i resti storici affiorati durante i lavori

Nuovo attacco del Gruppo Misto di minoranza in Comune a Finale in merito allo svolgimento dei lavori in via Drione.

Commentano i consiglieri: "Dell’abitato di Finalpia, con pochi minuti di lavoro, è stato possibile rinvenire una mappa catastale risalente al periodo Napoleonico. Tale cartografia è reperibile in formato digitale in rete, ne esistono diverse copie sul territorio, verosimilmente è disponibile nell’Archivio Storico ed è comunque rappresentata nel volume “Paesaggi in divenire” di Berruti, Leale, Arobba e Murialdo del 2016, con tanto di logo della Città di Finale Ligure.

La semplice consultazione della cartografia avrebbe permesso di comprendere a prima vista l’esistenza di un fabbricato in quella che oggi è Via Drione ed avrebbe evitato due mesi di disagio per il blocco dei lavori, determinato dal rinvenimento di vestigia di un antico edificio.

Era un fatto ampiamente noto e documentato, ma la palese incapacità amministrativa della Giunta Frascherelli non ne ha minimamente tenuto conto ed anzi iniziando i lavori il 16 gennaio ha determinato il catastrofico disagio di  un intero Rione, che attraverserà la Pasqua, proseguirà fino all’estate e addirittura ricomincerà per Via Molinetti nel prossimo autunno.

La superficialità dimostrata è a dir poco vergognosa.

(Nella foto allegata è visibile il raffronto tra la carta napoleonica del 1813 di Laurent Bergalli e l’attuale catasto. E’ di tutta evidenza l’edificio successivamente demolito per la realizzazione dell’attuale Via Drione e di cui sono state trovate le fondazioni nei lavori di scavo)".

c.s.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore